A chi ci rivolgiamo?

<a href=”http://www.youtube.com/watch?v=kSaWsTYghZQ”></a><a href=”http://[youtube, ,kSaWsTYghZQ]”></a><object classid=”clsid:d27cdb6e-ae6d-11cf-96b8-444553540000″ width=”425″ height=”350″ codebase=”http://download.macromedia.com/pub/shockwave/cabs/flash/swflash.cab#version=6,0,40,0″><param name=”src” value=”http://www.youtube.com/v/kSaWsTYghZQ” /><embed type=”application/x-shockwave-flash” width=”425″ height=”350″ src=”http://www.youtube.com/v/kSaWsTYghZQ”> </embed></object>

Scherzosamente abbiamo inserito questo pezzo del film con Renato Pozzetto per mostrare a quanti imprevisti andiamo incontro tutti i giorni della nostra vita.

Chi non sente la necessità di sentirsi sicuri? Chi non corre rischi quotidianamente, nell’incertezza della vita di tutti i giorni? Chi non ha la voglia di proteggere i propri preziosi beni, o i propri affetti?

Secondo le più classiche definizioni: Tramite un contratto di assicurazione ci si garantisce contro il verificarsi di un evento futuro e incerto (rischio), generalmente dannoso per la propria salute o patrimonio…..

Quindi perchè non trasferire l’incertezza, i rischi ad un altro soggetto, e proteggere il nostro patrimonio ed il nostro reddito?

Le polizze assicurative possono essere utili per tutta la durata della nostra vita. Come mostrano le 4 fasi della vita:

Nascita

istruzione

lavoro

pensione

Durante l’attività lavorativa nascono delle necessità, ovvero la tutela del reddito e del patrimonio. Dopo avere fatto tanti sacrifici per avere acquistato i beni (auto, casa, etc), e dopo aver creato il proprio patrimonio ed aver accumulato i sudati risparmi, sentiamo l’esigenza di tutelarli?

Dopo la nascita dei propri figli, il primo traguardo è l’istruzione, il diritto allo studio è garantito dallo stato ma a volte la scelta è vincolata dalla mancanza di quei capitali che servirebbero per studiare in un’università che ha il corso di laurea adatto alle proprie passioni, magari in una città diversa da quella di nascita. Con un piano di accumulo o con una polizza vita stipulata dai genitori e beneficiario il figlio si potrebbe risolvere il problema. Il figlio al compimento della maggiore età potrebbe cosi soddisfare la sua esigenza di continuare gli studi universitari, nel caso in cui per circostanze negative i genitori siano impossibilitati a far fronte alle spese necessarie.

Stesso discorso se invece il proprio progetto è di entrare a 18 anni nel mondo del lavoro, il capitale accumulato potrebbe essere utilizzato ad. es. per acquistare un’ auto o avere quei soldi necessari per iniziare un’attività in proprio o altro.

Quando andremo in pensione avremo le possibilità per mantenere lo stesso tenore di vita? E’ opportuno iniziare a pensare sin d’ora a crearci tale sicurezza?

Il rischio di subire degli eventi sfavorevoli che possono causare una perdita parziale dei nostri risparmi, o nell’ipotesi peggiore di dover privarci di un bene di nostra proprietà è una cosa che nessuno si augura ma che spesso non tutela attraverso le forme adatte.

Segutie questo blog, vi aiuteremo ad assicurarvi nel migliore dei modi per vivere la vita senza pensare ai rischi aletori.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.