Il sistema sanitario irlandese e una polizza medica privata che ho sottoscritto

irlanda-trifoglio-708970

In questo articolo parleremo del sistema sanitario irlandese e dei meccanismi privati per curarsi. L’Irlanda è da tempo uno degli stati con il miglior tenor di vita in Europa.

Il sistema sanitario pubblico in Irlanda garantisce assistenza medica a tutti i cittadini. L’assistenza e’ totalmente o parzialmente  gratuita a seconda della fascia reddituale di appartenenza.

La fascia di reddito piu’ bassa (categoria 1) beneficia gratuitamente di qualsiasi trattamento sanitario.

La categoria 2 (alla quale appartengo) ha diritto a curarsi negli ospedali pubblici a titolo non oneroso, ma non beneficia gratuitamente del servizio medico generico, ad es. di visite odontoiatriche e otorinolaringoiatriche. Il costo di questi servizi e’ quindi sostenuto direttamente dal paziente oppure coperto da un’ assicurazione volontariamente sottoscritta.

Circa un terzo della popolazione è iscritto all’Ente di assicurazione volontaria contro la malattia (VHI – Voluntary Health Insurence), che è sostenuto e disciplinato dal governo centrale. Il costo della copertura (VHI ) e’ di circa 600 euro annuali per gli adulti e di 190 per i minori. E’ abbastanza frequente che i datori di lavoro contribuiscano, totalmente o parzialmente, alla copertura VHI.

In una Banca, ad esempio, si paga il 75% dell’importo per ciascun membro familiare di ogni dipendente (che quindi sostiene l’esborso del rimanente 25%). Per fare un esempio pratico sul funzionamento di questa copertura assicurativa, quando ci si reca dal medico di base si pagano 40 euro, 29 dei quali vengono rimborsati dalla VHI.

Accanto alla VHI, diverse compagnie assicurative private (Quinn, Hibernian Aviva, eccetera) forniscono delle polizze sanitarie.

Individualmente si può decidere di sottoscrivere una polizza sanitaria (con una compagnia assicurativa privata) che prevede, dietro il pagamento di un premio, un indennizzo monetario nel caso in cui si dovesse essere colpiti da una “critical illness” (malattia critica).

Dopo aver individuato, previa visita medica (pagata dalla compagnia assicurativa) e questionario, la categoria di rischio alla quale si appartiene, viene richiesto un premio ad esempio di 30 euro mensili a fronte di un indennizzo di 59.000 euro nel caso in cui una delle “critical illness”, riportata nelle condizioni sottoscritte: si tratta comunque delle patologie piu’ gravi, come infarti, ictus, tumori, eccetera) dovesse malauguratamente colpire.

Il premio e l’indennizzo si rivalutano annualmente del 5% (cioe’ tra un anno si pagherà un premio 31,5 euro al mese a fronte di un indennizzo di 61.950 euro).

La polizza ha una durata di 21 anni ed e’ rescindibile in qualsiasi momento. Ogni 5 anni e’ prevista una visita medica per monitorare lo stato di salute. In occasione di queste visite, la compagnia si riserva la facolta’ di aumentare il premio o diminuire l’indennizzo.

Un commento su “Il sistema sanitario irlandese e una polizza medica privata che ho sottoscritto

  1. Grazie per le curatissime informazioni, sarebbe utile per un paragone con il sistema italiano poter capire e è più conveniente il sitema irlandese in cui si pagano poche tasse ma si deve ricorrere alla stipulazione di una polizza sanitaria privata oppure quello italiano in cui si pagano tasse maggiori e non necessita stipulare polizze assicurative (seppur vi sono problemi per le “liste d’attesa”).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.