L’Isvap, chi è e cosa fa? [seconda parte]

Cari lettori ecco la seconda parte dell’articolo dedicato all’organismo di vigilanza del settore assicurativo.

L’Isvap ha rapporti di collaborazione con altre Istituzioni e Autorità?

  • collabora, anche mediante scambio di informazioni, con la Banca d’Italia, la CONSOB, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, la COVIP, l’UIC, e ciascuna delle suddette istituzioni collabora con l’ISVAP al fine di agevolare l’esercizio delle rispettive funzioni. Non può essere reciprocamente opposto il segreto di ufficio.
  • Le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici forniscono dati, notizie e documenti e ogni ulteriore collaborazione richiesta dall’ISVAP, in conformità alle leggi disciplinanti i rispettivi ordinamenti.
  • collabora, anche mediante scambio di informazioni, con le autorità competenti dell’Unione europea e dei singoli Stati membri, al fine di agevolare l’esercizio delle rispettive funzioni. Le informazioni ricevute dall’ISVAP non possono essere trasmesse ad altre autorità italiane o a terzi senza il consenso dell’autorità che le ha fornite.
  • può scambiare informazioni con le autorità amministrative o giudiziarie nell’ambito di procedimenti di liquidazione o concorsuali, in Italia o all’estero, relativi ai soggetti vigilati.

 

 Come esercita la vigilanza, quali sono i poteri d’intervento?  L’Isvap può:

  • convocare i componenti degli organi amministrativi e di controllo, i direttori generali delle imprese di assicurazione e di riassicurazione, i legali rappresentanti della società di revisione, l’attuario revisore, l’attuario incaricato;
  • ordinare la convocazione dell’assemblea, indicando gli argomenti da inserire all’ordine del giorno;  
  • convocare i soggetti che svolgono funzioni parzialmente comprese nel ciclo operativo delle imprese di assicurazione e di riassicurazione per accertamenti esclusivamente rivolti ai profili assicurativi o riassicurativi.
  • convocare i legali rappresentanti delle società che svolgono attività di intermediazione ed i soggetti iscritti al registro degli intermediari ed al ruolo dei periti assicurativi;
  • può effettuare ispezioni presso le imprese di assicurazione e di riassicurazione e presso gli uffici degli intermediari di assicurazione e di riassicurazione, dei soggetti che svolgono funzioni parzialmente comprese nel ciclo operativo delle imprese medesime limitatamente a tale ciclo, dei periti assicurativi e dei soggetti che svolgono attività riservate privi di autorizzazione.

 Quali sono i poteri d’indagine?

  •  può chiedere informazioni, ordinare l’esibizione di documenti ed il compimento di accertamenti e verifiche ritenute necessarie, rivolgendo la richiesta alle imprese di assicurazione e di riassicurazione, agli intermediari assicurativi e riassicurativi, ai periti assicurativi;

Per poter adempiere ai suoi compiti, necessita ovviamente di personale (al 31-12-2008 risultano 356 impiegati). L’Isvap effettua le assunzioni di personale tramite concorsi pubblici per titoli ed esami.

Nel prossimo articolo analizzeremo quali sono le entrate monetarie, quindi la provenienza dei mezzi finanziari, necessari per svolgere l’ importante attività di vigilanza.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.