Un freno al business della Bancassurance

Per Bancassurance s’ intende la  partnership o la relationship tra una banca ed una compagnia assicurativa, in pratica i prodotti assicurativi delle imprese assicurative vengono distribuiti tramite le reti bancarie a seguito di accordi commerciali tra le stesse.

Con il nuovo regolamento n. 35 Isvap, si pone un freno al business della Bancassurance. Vediamo perchè, l’art. 52 dispone

E’ comunque fatto divieto di assumere, direttamente o indirettamente, anche attraverso uno dei rapporti di cui al comma 1, primo periodo, la contemporanea qualifica di beneficiario o di vincolatario delle
prestazioni assicurative e quella di intermediario del relativo contratto in forma individuale o collettiva.”

Tale articolo è rivolto a tutti i casi in cui gli intermediari assicurativi (banche, broker, agenti) svolgono contemporaneamente anche il ruolo di benficiario o vincolatario della polizza.

Quindi l’articolo è generico e riferito a vari casi, ma nella Bancassurance tale fenomeno spesso si verifica. Basti pensare al creditor protection in cui contemporaneamente al finanziamento (mutuo o prestito personale) operato dall’ istituto bancario viene richiesto al cliente di stipulare una polizza assicurativa, per coprire il rischio di decesso e invalidità permanente e/o temporanea, per tutelare l’assicurato da una situazione di difficoltà nel rimborso delle rate. Altro caso è quello in cui viene richiesto di stipulare una polizza incendio ed eventi atmosferici per proteggere l’abitazione, per tutelare il contraente dell’evento negativo di dover affrontare spese di ripristino dell’abitazione oltre a dover sostenere il costo delle rate.

Come già spiegato nel precedente articolo, queste polizze sono un contratto distinto rispetto a quello del finanziamento, il cui premio (costo della polizza) viene pagato in un unica soluzione o viene inserito nel finanziamento con le rate. Seppur tali polizze sono idonee, e da noi consigliate, per coprire i rischi di trovarsi in situazioni tali da non poter rimborsare le rate, bisogna sottolineare che l’intermediario (l’istituto bancario) ne tra un doppio beneficio.

Il primo in qualità di intermediario, poichè percepisce dall’ impresa assicurativa una provvigione, che in alcuni casi può arrivare fino  all’80% del premio. Il secondo beneficio è quello di mitigare il rischio di insolvenza della controparte (il cliente che riceve il finanziamento/mutuo) in quanto al verificarsi dell’evento (ad es. morte, invalidità del contraente o l’abitazione danneggiata da un incendio) sarà la compagnia assicurativa a risarcire il beneficiario che corrisponde alla banca stessa.

Per risolvere tale conflitto d’interesse, è intervenuta l’Authority vietando quanto descritto nell’art. su citato, ovvero non si può assumere la posizione di intermediario e benficiario o vincolatario.

Secondo il mio parere l’intervento dell’ Isvap non è volto a punire il meccanismo o livello di guadagno degli intermediari assicurativi, ma il loro conflitto d’interesse. Come accade ad esempio in alcuni istituti, sembrerebbe esservi l’obbligo di stipulare la polizza assicurativa pur di ottenre il finanziamento/mutuo. Quindi, a mio parere, tale intervento normativo ha il fine di favorire la concorrenza e la libertà di scelta del contraente di una polizza della controparte assicurativa.

Quali soluzioni per le compagnie assicurative, per l’intermediario assicurativo (banche) ed il cliente?

Le compagnie assicurative che distribuiscono i prodotti tramite le banche, soprattuto quelle bancasurance, potrebbero avviare una vendita diretta (ad es. con la vendita on-line). In tal modo il cliente di una banca che chiede un finanziamento/mutuo può acquistare la polizza assicurativa utile per la copertura dei rischi connessi al finanziamento ottenuto, direttamente on-line indicando quale beneficiario la banca stessa se richiesto da vincoli al finanziamento.

Per le banche può esser ugualmente conveniente, a fronte di un minor guadagno per non esser più intermediario e non guadagnare provvigioni dai prodotti assicurativi intermediati, resta comunque il beneficio di non rinunciare alla mitigazione dei rischi con il creditor protection o nei rischi legati ad incendio ed eventi atmosferici delle case finanziate, inducendo i clienti a continuare a stipulare le polizze con il canale diretto delle imprese assicurative o presso un’ altro intermediario (agenti, broker).

2 commenti su “Un freno al business della Bancassurance

  1. credo che la soluzione proposta (vendita polizza on line) non sara’ digerita dalle banche…..rinunciare alla provvigioni….provate voi a spiegarglielo. capita la legge trovato l’inganno…i costi per il consumatore saranno caricati altrove

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.