Assicurazioni e nuovo Regolamento Appalti DPR 207/2010 | In soldoni cosa cambia?

Dallo scorso 8 Giugno è operativo il nuovo regolamento di esecuzione ed attuazione del c.d. Codice degli Appalti (Dlgs 163/2006). In soldoni cosa cambia?

Poco per cauzioni e CAR e per i piccoli appalti.

L’art. 126 del nuovo D.P.R. 207/2010 introduce due importanti novità per la Postuma Decennale:

1.         prevede la condizione del pagamento dell’indennizzo a favore del committente “a semplice richiesta”, condizione criticata a suo tempo dall’ANIA e che era stata poi superata dalle norme previste dal DM 123 del 2004 per la polizza postuma, dove il pagamento a semplice richiesta era subordinato “all’accertata risarcibilità e entità del sinistro”;

2.         aumenta il limite di indennizzo per i danni all’opera, portandolo dall’attuale 20% del valore dell’opera realizzata ma con un limite assoluto massimo di 14 milioni di euro ad un massimale di indennizzo pari ad una somma variabile fra il 20% e il 40% del valore dell’opera realizzata, senza alcun limite in cifra fissa. Questa disposizione è destinata a creare problematiche in fase assuntiva in quanto la capacità sottoscrittiva dei mercati assicurativi e riassicurativi nazionali e internazionali non è illimitata e pertanto per opere di elevato valore si potrebbe rischiare di non trovare un’idonea copertura assicurativa.

Altra novità del D.P.R. 207/2010 è invece rappresentata dal Sistema di garanzia globale di esecuzione (artt. 129 – 136) in vigore per i bandi pubblicati successivamente al 8/6/2012.

Si tratta di un sistema combinato di obbligazioni in capo al garante, comprendente:

a)         una garanzia fideiussoria a copertura degli oneri per il mancato o inesatto adempimento dell’opera, pari al 10% dell’importo dei lavori (che assorbe la c.d. cauzione definitiva);

b)         una “garanzia di fare”, che obbliga il garante a subentrare nella esecuzione e completamento dei lavori al posto dell’originario contraente inadempiente, designando a tal fine un altro soggetto abilitato alla materiale esecuzione, che a sua volta potrà essere sostituito se risulterà inadempiente (c.d. garanzia di subentro). Il garante è esposto in ogni caso al rischio di pagare il prezzo dell’intera opera (al netto di quanto già realizzato) nel caso in cui non riesca a provvedere al completamento dell’opera per cui è prestata la garanzia.

I contratti per i quali è obbligatoria la garanzia globale di esecuzione sono:

a)         appalti di progettazione esecutiva ed esecuzione (c.d. “appalti integrati”) di ammontare a base d’asta superiore a 75 milioni di euro;

b)         affidamenti a Contraente generale di qualunque importo;

c)         solo nel caso in cui sia prevista dal bando o dall’avviso di gara, per gli appalti di sola esecuzione di ammontare a base d’asta superiore a 100 milioni di euro.

Il subentro di un sostituto nell’esecuzione dei lavori si ha qualora l’originario Contraente fallisca ovvero incorra in liquidazione coatta amministrativa o concordato preventivo ovvero nei suoi confronti sia pronunciata risoluzione del contratto per inadempimento.

Le criticità che riscontriamo sono le seguenti:

a)         l’obbligo imposto al garante di indicare nella garanzia, al momento dell’aggiudicazione definitiva (e non del subentro), due imprese sostitute in possesso degli stessi requisiti richiesti nel bando. Il mercato assicurativo ritiene che gli eventuali sostituti dell’appaltatore aggiudicatario debbano essere forniti al momento della chiamata di subentro, anche perché l’affidabilità del subentrante può variare nel tempo ed è indispensabile avere le informazioni più aggiornate sulle imprese.

b)         l’eliminazione della facoltà di liberarsi dall’onere di completamento dell’opera pagando una somma predefinita (era prevista questa possibilità in una bozza concordata tra Ministero, ABI e ANIA nel 2004 ed era pari al 40%) con riferimento alla entità dei lavori rimasti da eseguire. La norma attuale espone il garante ad una perdita non quantificabile.

E il mercato assicurativo è già entrato in crisi…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.