POLIZZE AUTO, conservare la propria classe di merito in caso di sinistro

Non tutti sanno che è possibile conservare la classe di merito anche a seguito di sinistro o di sinistri risarciti dal proprio assicuratore: infatti le condizioni contrattuali possono prevedere la possibilità per l’assicurato di rimborsare alla Compagnia gli importi liquidati a titolo definitivo nel corso del periodo di osservazione per sinistri rientranti o meno nella procedura di risarcimento diretto.

Tale facoltà potrà essere esercitata anche se si comunica la disdetta alla propria Compagnia e si passi ad un’altra.

Questa può rappresentare un’opportunità importante da utilizzare nei casi di sinistri di modesta entità, poiché consente di evitare il malus e la conseguente maggiorazione di premio.

A chiunque sia interessato a sfruttare questa opportunità, consigliamo di verificare le condizioni contrattuali della propria polizza e, in caso affermativo, la comunicazione che l’assicuratore invia, unitamente all’attestato di rischio, almeno 30 giorni prima della scadenza annuale.

Questa dovrà contenere le seguenti informazioni:

a)     sinistri rientranti nella procedura di risarcimento diretto

  • numero del sinistro/i
  • data di accadimento
  • nominativo delle parti coinvolte;

modalità da seguire per richiedere direttamente o per il tramite dell’agente/ punto vendita/call center, alla Stanza di compensazione c/o CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici S.p.A. – Via Yser, 14 – 00198 Roma – www. consap.it), l’ammontare dell’importo liquidato. La Stanza di compensazione ti fornirà direttamente tutte le informazioni circa le modalità da seguire per effettuare il rimborso;

classe di merito (interna e corrispondente CU) in cui sarà riclassificato il contratto e importo del premio da pagare per l’annualità successiva, qualora il rimborso riguardi il sinistro/tutti i sinistri pagato/i a titolo definitivo nel periodo di osservazione, rientrante/i o meno nella procedura di risarcimento diretto;

dichiarazione che la società procederà a riclassificare il contratto in base alle relative condizioni, ricalcolando la classe di merito (interna e corrispondente CU) e il premio dell’annualità successiva in funzione del/i sinistro/i rimborsato/i, qualora il rimborso non riguardi tutti i sinistri pagati a titolo definitivo nel periodo di osservazione;

b)    sinistri non rientranti nella procedura di risarcimento diretto

  • numero del sinistro/i,
  • data di accadimento,
  • nominativo delle parti coinvolte,
  • importo e data di pagamento;

classe di merito (interna e corrispondente CU) in cui sarà riclassificato il contratto e importo del premio da pagare per l’annualità successiva, qualora il rimborso riguardi il sinistro/tutti i sinistri pagato/i a titolo definitivo nel periodo di osservazione, compreso/i quello/i eventualmente rientrante/i nella procedura di risarcimento diretto;

dichiarazione che la società procederà a riclassificare il contratto in base alle relative condizioni, ricalcolando la classe di merito (interna e corrispondente CU) e il premio dell’annualità successiva in funzione del/i sinistro/i rimborsato/i, qualora il rimborso non riguardi tutti i sinistri pagati a titolo definitivo nel periodo di osservazione.

2 commenti su “POLIZZE AUTO, conservare la propria classe di merito in caso di sinistro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.