Aumenti R.C.Auto a Palermo dal 1°aprile 2012

La tradizione del pesce d’aprile, seguita in diversi paesi del mondo, consiste in uno scherzo da mettere in atto il 1º aprile. Lo scherzo può essere anche molto sofisticato e ha lo scopo di creare imbarazzo nelle vittime, in altri casi è solo un sistema per divertirsi fra amici.

Questa volta, purtroppo, non si tratterà di un piacevole scherzo, ma di un aumento del 3,5% della Polizza R.C.A. nel capoluogo della Trinacria, detta anche la “conca d’oro”!

La giunta provinciale di  Palermo ha deliberato nel mese di dicembre 2011 l’ aumento dell’imposta R.C. Auto, delibera n. 313 pubblicata sul sito del MEF a febbraio 2012, la quale prevede che a partire dal 1° aprile 2012 l’imposta sull’ R.C.A. varierà dal 12,5% al 16%.

L’aumento dell’imposta è giustificato dalle recenti leggi sul Federalismo Fiscale, secondo il quale le provincie italiane possono deliberare un aumento o riduzione dell’imposta nella misura massima del 3,5% ogni anno, per fortuna riguarda le sole autovetture, e sono esclusi i ciclomotori. Ovviamente quasi tutte le giunte provinciali d’Italia si sono ben guardate dal diminuire l’imposta!!!

Gli introiti aggiuntivi nelle casse della provincia saranno infatti svariati milioni di euro dato che i premi incassati nella sola provincia di Palermo per l’ R.C.A. sono stati pari 284.834.000€ nel solo anno 2009 (Fonte: Ania).

Come fare per non subire l’aumento?

Se avete la polizza R.C. Auto in scadenza, in prossimità della data di entrata in vigore della variazione di aliquota deliberata dalla provincia in cui il proprietario del veicolo ha la residenza, basta pagare il premio prima di quella data ed in tal modo non si subisce l’aumento. Proprio perchè l’applicazione della “nuova” aliquota piuttosto che quella “vecchia”  dipende dal momento del pagamento del premio e non dalla data di decorrenza della polizza.

Facciamo un esempio per capire meglio il meccanismo:

Per semplificare i calcoli supponiamo di avere una Polizza con scadenza il 25 maggio 2012, con premio netto di 1.000€ + imposta R.C.A. con proprietario del veicolo residente in una delle province su citate, e la variazione di aliquota avviene il 1° giugno:

  • Polizza pagata fino al 31 maggio si applica l’aliquota del 12,5% = 1.125€
  • Polizza pagata dal 1 giugno si applica l’aliquota del 16% = 1.160€ (+35€)

Altro esempio è quello di una Polizza con scadenza il 24 maggio 2012 e stesso premio:

  • Polizza pagata fino al 31 maggio si applica l’aliquota del 12,5% = 1.125€
  • Polizza pagata dal 1 giugno si applica l’aliquota del 16% = 1.160€

FATE ATTENZIONE quando pagate il Premio della polizza R.C. Auto, se l’aliquota applicata è quella corretta, cioè quella vigente al momento del pagamento, soprattutto se pagate il premio prima della data di variazione in aumento dell’aliquota!

Per verificare l’aliquota corretta da pagare è sufficiente leggere sul sito internet del MEF (dipartimento delle finanze) le aliquote nelle singole procince italiane, la variazione dell’aliquota parte dal 1° giorno del 2 mese successivo alla Pubblicazione nel sito della Delibera.

Esempio: data delibera 13 aprile, pubblicazione delibera nel sito 10 maggio, entrata in vigore 1° luglio.

Dopo di che leggete nel contratto, se viene riportata, direttamente l’aliquota % oppure determinatela dall’ importo pagato di imposte.

Esempio: totale netto rca 500€, imposte 80€, applicate la seuente formula (imposta/totale netto rca)*100 = aliquota fiscale applicata.

Confrontate l’aliquota vigente del giorno in cui avete effettuato il pagamento del premio con quella applicata ed indicata nel contratto o quietanza.

Se vi hanno applicato erroneamente un’aliquota maggiore chiedete il rimborso e in caso di rifiuto non esitate a scrivere un reclamo alla Compagnia e all’Isvap.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.