ASSICURAZIONI 360° (Ed. n°1)

Secondo appuntamento di ASSICURAZIONI 360°.

Ringrazio innanzitutto chi mi ha fatto notare taluni accorgimenti da apportare alla versione “TEST” della prima uscita alla quale sono stata fatte le congrue modifiche ed alcune precisazioni.

Con questo e col prossimo numero cercheremo di soffermarci all’interno del panorama dei diversi  canali distributivi attraverso i quali vengono intermediati i prodotti assicurativi in Italia.

 

Principalmente vi sono 4 grandi categorie di distributori chiamati anche Intermediari Assicurativi.

Gli Intermediari sono dei professionisti che operano nel settore assicurativo e il loro ruolo è quello di far arrivare il “prodotto”, dalla “fabbrica” direttamente al cliente finale.

Per poter svolgere l’ attività di Intermediario è necessario essere iscritti ad un Albo professionale, il Rui. Tale iscrizione prevede il possesso di alcuni requisiti morali e  il superamento di un esame riguardante le proprie competenze specifiche in materia assicurativa.

Gli esami si tengono dopo aver effettuato e comprovato una fase di apprendimento prevista per legge. (Reg. N° 5 dell’ISVAP.)

L’Albo Rui che sta per: Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi è gestito dall’ISVAP, che è l’ Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di interesse collettivo. Il  Rui è stato reso pubblico ed attivo a partire dal 1° febbraio 2007.

Il ruolo dell’ISVAP, apriamo una piccola parentesi, è quello di vigilare nei confronti delle imprese di assicurazione e riassicurazione nonché di tutti gli altri soggetti sottoposti alla disciplina delle assicurazioni private, compresi gli agenti e i mediatori di assicurazione. L’ISVAP svolge le sue funzioni sulla base delle politiche indicate dal Governo.

Di fatto potremmo paragonarlo ad una sorta di controllore del mercato assicurativo.

Ma torniamo a noi, all’Interno del Registro (RUI) si trovano divisi in 5 tipologie i relativi Intermediari:

  • Alla Sezione A gli Agenti,
  • Alla Sezione B i Broker,
  • Alla Sezione C i produttori diretti delle imprese di assicurazione,
  • Alla Sezione D le Banche, gli intermediari finanziari (ex Art 107 TUB) le Sim e Poste
  • Alla Sezione E infine tutti i collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B e D che operano al di fuori dei locali di tali intermediari.

Quando entrerete in contatto con uno di questi operatori è consigliabile verificarne o meno l’iscrizione all’ albo sopracitato, chiedendo il numero di iscrizione al RUI e verificandolo nel sito internet Isvap.

Come non andreste a farvi visitare da un finto medico non  vi recherete da un finto assicuratore per una consulenza, pertanto vi basterà cliccare QUESTO LINK ed  inserire nome e cognome del soggetto o ragione sociale della società  per avere subito una risposta.

Se vi apparirà una schermata riepilogativa dei dati di quella persona/società e saranno concidenti con i dati in vostro possesso nessun problema, se invece il nominativo non verrà trovato nel caso migliore si può pensare ad un ritardo nell’ iscrizione ma nel caso peggiore si può aver davanti un truffatore.

Per oggi ci fermiamo qui, dandovi modo di provare quanto illustrato e col prossimo numero andremo a vedere nel dettaglio le differenze tra i tipi di distributori ed alcune loro metodologie di operatività.

Al prossimo numero!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com