ASSICURAZIONI 360°- Il Manuale assicurativo – (Ed. n°2)

Terzo appuntamento con la nostra guida: ASSICURAZIONI 360°

Riprendiamo le fila della scorsa puntata trattando l’analisi dei canali distributivi attraverso i quali vengono collocate le polizze assicurative.

Diamo subito uno sguardo nel dettaglio al modello più conosciuto: le agenzie o rete agenziale.

Si dice rete Agenziale proprio perché sono una serie capillare di filiali, uffici e studi distribuiti sul territorio nazionale e legati alla Compagnia di Assicurazioni, per via di un mandato di distribuzione; il “titolare” dell’Agenzia è un  imprenditore autonomo e non un dipendente delle Compagnie.

Di fatto il ruolo della rete agenziale è quello di: proporre nuovi contratti, gestirne l’incasso dei premi, gestire i sinistri (generalmente l’apertura del sinistro) ma sopratutto di curare il rapporto diretto col cliente.

Con l’introduzione del decreto Bersani (luglio 2006) tutti gli Agenti hanno la possibilità di poter distribuire prodotti (ramo danni) di diverse Compagnie assicurative, eliminando i precedenti vincoli di tipo contrattuale.

Di fatto però, a discapito della concorrenza, questi vincoli esistono ancora e quindi entrando in un Agenzia, potrebbe capitarvi di trovare i prodotti di una sola compagnia, con tutto ciò che ne consegue (scarsa possibilità di scelta), fatta eccezione per Agenzie plurimandatarie in cui trovate l’offerta assicurative delle “n” compagnia per il quale agiscono.

Per arginare, se così si può dire, questo limite delle agenzie, esiste un canale distributivo alternativo: il Broker, (sezione B del Registro Rui Isvap). Il Broker a differenza dell’Agente, ha vincoli contrattuali diversi e meno rigidi con la Compagnia, pertanto ha la caratteristica specifica di poter proporre al proprio cliente diverse polizze, anche di compagnie diverse. Il tipo di lavoro del Broker è quindi differente, in quanto opera su mandato del cliente e non della compagnia, sarà il cliente stesso che dovrà quindi incaricarlo di cercare per lui il miglior prodotto in base alle proprie necessità.

I professionisti iscritti alla Sez. C del Rui sono i Produttori diretti, svolgono intermediazione nei rami vita, piuttosto che infortuni e malattia per conto e sotto la responsabilità dell’Impresa di assicurazioni, operando senza obblighi di orario o di risultato esclusivamente per l’impresa medesima.

Nella sezione D troviamo invece Banche, Intermediari finanziari (ex art.107 del Testo Unico Bancario) le Sim, Poste Italiane e la sua divisione bancaria ‘Bancoposta’.

Le Banche e Poste Italiane non hanno bisogno di presentazioni mentre sicuramente è meglio chiarire chi sono gli Intermediari Finanziari Ex 107, ovvero società di Leasing, di Factoring, società di cartolarizzazione e società che rilasciano Polizze Fidejussorie. Sono società che operano nel mercato finanziario e rispondono a determinate caratteristiche tecniche della loro attività quali ad esempio l’attività di emissione e gestione di carte di credito o debito oppure l’attività di intermediazione con assunzione di rischio. Il tema meriterebbe un focus a sé stante ma non andremo oltre onde evitare facili divagazioni.

E’ doveroso, però, un cenno alle SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) che svolgono intermediazione (dal 2007) e negoziazione per conto terzi e per conto proprio di strumenti finanziari all’interno dei mercati regolamentati, oltre alla promozione di prodotti di risparmio gestito (ad esempio quote di fondi).

Ultimo intermediario del panorama assicurativo sono i Professionisti o le Società iscritte alla Sez E, ovvero tutti i collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B, e D del Rui che operano al di fuori dei locali di tali intermediari, quindi i consulenti di Agenti, Broker e di tutte le Società finanziarie, che appunto come peculiarità hanno proprio l’operatività al fuori dai normali canoni, cioè fuori dalle banche o dalle agenzie ma a stretto contatto con il cliente.

Probabilmente vi sarete chiesti come molti degli organismi citati possano avere a che fare con le assicurazioni e con quali polizze, ma questo mondo è talmente variegato da toccarli tutti e con diversi approcci, che mano a mano andremo a scoprire.

Quanto riportato è una visione abbastanza semplificata dell’intero sistema e sicuramente c’è bisogno di un vostro ulteriore approfondimento, ma se siete interessati a qualche tema in particolare, saremo ben lieto di farlo con Voi, condividendo opinioni e creando così una guida costruita sulle vostre reali necessità.

Al prossimo Articolo.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.