Garanzie di pagamento delle forniture

Oggi è negli occhi di tutti, un pane quotidiano, un certo senso di crisi del mercato capitalistico nostrano, ed europeo quanto meno. Sui giornali si può leggere che stime diffuse presumono che in Italia nel corso del 2012 chiuderanno i battenti molte aziende, addirittura il 17% in più rispetto al 2011. Il sistema bancario, quotidianamente registra cattive performance nel mondo delle PMI italiane, con mancanze o forti ritardi nei pagamenti. Le RIBA vanno insolute ed i bonifici non arrivano mai.

Questi sono i dati di fatto, di cui prendere atto ed a cui abituarci, volenti o nolenti.

Alla luce diurna della realtà, gli imprenditori si fanno, quindi, la famosa domanda: “se rifornisco quel cliente ed i pagamenti sono previsti a 120 giorni, mi pagherà forse fra 240 giorni? O fallisce prima?” Oppure: “Forse è meglio non acquisire quel cliente se non ho sicurezza di incassare, altrimenti fallisco prima io”. Sic transit gloria mundi.

IL MERCATO

Di fronte a queste domande, molti imprenditori richiedono garanzie fideiussorie di pagamento; altrimenti, il contratto non viene stipulato, anche se le parti vantano magari rapporti ventennali di fornitura.

Le soluzioni a questo rischio sono essenzialmente due:

–          Polizza credito su tutto il fatturato aziendale, mettendo quindi in copertura tutti i crediti che l’azienda può vantare nei confronti dei diversi clienti nell’arco dell’anno

–          Garanzia di pagamento sul singolo contratto.

Nel primo caso, il contraente è la società “beneficiaria”, che si vuole tutelare dal rischio ed assicura tutto il portafoglio che la compagnia garante deciderà di assumere. Queste garanzie sono erogate fisiologicamente da compagnie di assicurazione specialistiche, anche appartenenti a grandi gruppi assicurativi internazionali ed il costo non è irrilevante.

Nel secondo caso, il contraente è il debitore, che stipula a favore del beneficiario una garanzia di pagamento degli obblighi economico-contrattuali. Alcune compagnie di assicurazione (poche) sono disponibili a garantire questi rischi, normalmente a patto di una garanzia reale collaterale per un valore variabile tra il 30 ed il 50%. Il resto del mercato viene assorbito da banche (ove disponibili, in questo periodo non molto), ma soprattutto società finanziarie/confidi. Questo segmento di garanti si comporta comunque in maniera variabile, ovviamente, a seconda della capacità finanziaria del garantito, del segmento di mercato e della forma di garanzia da offrire.

I tassi per le garanzie sulle forniture sono i più alti del segmento, costando tra il doppio ed il triplo rispetto a garanzie di pagamento di altra natura, comunque superiori al 3% annuo.

 

Assicuriamoci Bene ha predisposto il servizio gratuito di quotazioni fideiussioni e cauzioni per gli utenti del Blog, fornito dal Broker Dott. Ugo Centurioni iscritto al RUI con N. B000358642 in data 3 novembre 2015, con sede legale in via Cavallotti 71 Monza (MB):

SERVIZIO DI QUOTAZIONE FIDEIUSSIONI E CAUZIONI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.