Tariffe unisex per le polizze assicurative

Maya permettendo il 21 dicembre 2012 non finirà il mondo, ma sicuramente finirà la possibilità per le  compagnie di assicurazione di fare differenziazione di premio (prezzo delle polizze) in base al sesso dell’assicurato per tutte le polizze vendute in Europa.

Da sempre le compagnie di assicurazioni analizzano le proprie banche dati per stimare la frequenza (probabilità che un sinistro accada) e il costo medio dei sinistri che avverranno in futuro in modo da ripartire il rischio in maniera equa tra diversi fattori di rischio; nell’auto per esempio sappiamo bene come può cambiare un premio di polizza al variare di alcune caratteristiche del cliente quali il modello del veicolo, la storia assicurativa, la residenza del proprietario del veicolo, l’età ed il sesso del contraente.

Grazie alla Corte di Giustizia Europea questa differenziazione del rischio per sesso non potrà essere più effettuata in quanto il 1° marzo 2011 essa ha dichiarato questa pratica discriminante e contraria al principio di uguaglianza (causa C-236/09).

Dal punto di vista delle Compagnie Assicurative:

Che si tariffi o meno facendo differenze di premio in base al sesso, le necessità totali di raccolta premi delle compagnie non cambiano. I premi medi di polizza quindi non cambieranno ma ci saranno sicuramente casi di polizze con incrementi di premio e casi di polizze con diminuzioni di premio.

Per esempio nelle polizze vita, fino al 21 dicembre 2012, a parità di altre condizioni tariffarie (come età o reddito), il premio di polizza per un uomo risulta più caro che per una donna, ciò per il fatto che una donna ha una speranza (durata) di vita superiore all’uomo. Dopo tale data i premi dovranno invece essere i medesimi.

Nella polizza RC Auto  i giovani uomini (fino a 30 anni circa), fino alla data del 21 dicembre, pagano più delle giovani donne (meno spericolate e più prudenti) mentre le mamme (dai 44 ai 49 anni) di neo-maggiorenni pagavano più dei papà della stessa età. Ma dopo la data fatidica i prezzi (premi) dovranno essere gli stessi.

Dal punto di vista del consumatore:

In buona sostanza nella polizza RC auto ci guadagneranno gli uomini sotto i 30 anni e le donne che vanno verso i 50 anni, mentre nelle polizze vita saranno le donne di ogni età a pagare un po’ meno e gli uomini a pagare un po’ di più.

In fondo vi riportiamo un’analisi di confronto più dettagliata.

Riflessione:
Questo evoluzione normativa è anche un effetto esasperato della paura della nostra società attuale di guardare alle differenze; esse sono vissute come fonte di discriminazione o di timore mentre non si riesce a cogliere la ricchezza che proviene dal confronto col diverso e l’evoluzione sociale che ne consegue.

Anche le differenziazioni di premio in base alla nazionalità sono a livello normativo già fortemente sconsigliate; di questo passo non ci potremo stupire se tra qualche anno non si potranno fare più differenze di premio anche in base ad altre variabili quali la zona geografica o l’età affinché nessuno possa sentirsi discriminato  in quanto costretto a pagare premi di polizza differenziati.
I prezzi sul mercato lentamente diverranno sempre più simili e la concorrenza diminuirà.

Analisi dettagliata di confronto (indica la differenza di frequenza sinistri RCA causati nel 2010 in Italia):

Nella tabella sotto per ogni fascia di età si ha la differenza di sinistrosità tra le donne e gli uomini. Per esempio le ragazze 18-enni causano il 25% dei sinistri in meno rispetto ai ragazzi 18-enni, quindi meriterebbero una tariffa decisamente inferiore rispetto ai maschi ma la cosa non sarà più possibile. Al contrario intorno ai 46 anni o ai 75 anni sarebbero gli uomini che avrebbero diritto a un premio inferiore in quanto causano circa il 10% in meno di sinistri

Freq donne / Freq uomo        Età
-25%                                             Da 18 a 19
-22%                                             Da 20 a 21
-14%                                             Da 22 a 23
-12%                                             Da 24 a 25
-12%                                             Da 26 a 27
-12%                                             Da 28 a 29
-9%                                               Da 30 a 31
-9%                                               Da 32 a 33
-8%                                               Da 34 a 35
-6%                                               Da 36 a 37
-2%                                               Da 38 a 39
2%                                                 Da 40 a 41
7%                                                 Da 42 a 43
8%                                                 Da 44 a 45
9%                                                 Da 46 a 47
7%                                                 Da 48 a 49
4%                                                 Da 50 a 51
4%                                                 Da 52 a 53
1%                                                 Da 54 a 55
2%                                                 Da 56 a 57
2%                                                 Da 58 a 59
0%                                                 Da 60 a 61
4%                                                 Da 62 a 63
6%                                                 Da 64 a 65
4%                                                 Da 66 a 67
9%                                                 Da 68 a 69
9%                                                 Da 70 a 71
9%                                                 Da 72 a 73
13%                                               Da 74 a 75
7%                                                 Da 76 a 77
7%                                                 Da 78 a 79
1%                                                 80 e Oltre

 

Autore: Lorenzo Alati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.