Fideiussioni sui finanziamenti

Un segmento particolarmente diffuso nel mare magnum delle cauzioni e delle fidejussioni è rappresentato dai finanziamenti concessi, normalmente dalle Regioni, ai vari settori d’impresa operanti sul mercato.

La massa dei finanziamenti alle imprese è enorme; ogni anno le Regioni destinano alle imprese miliardi di euro volti alla ricerca ed allo sviluppo delle attività d’impresa; e ad ogni finanziamento corrisponde automaticamente una fideiussione, a garanzia della corretta destinazione del finanziamento ed eventuale restituzione.

Possiamo distinguere, a monte, il finanziamento a fondo perduto (non restituito all’ erogante) dal finanziamento a tasso agevolatoche permette l’accesso al credito a condizioni migliori rispetto al sistema finanziario tradizionale. A valle, le categoria di finanziamento sono le più disparate, a seconda dell’obiettivo per il quale i denari vengono stanziati e del segmento professionale a cui sono destinati.

IL MERCATO

Sottolineiamo subito che i finanziamenti stanziati per favorire l’assunzione di personale non trovano compagnie disposte all’assunzione del rischio; quindi, il beneficiario deve poter contare sull’ appoggio del sistema bancario per poter accedere a queste agevolazioni.

Vi sono poi finanziamenti erogati da Simest (di solito di importi molto elevati, normalmente per l’internazionalizzazione delle imprese); però Simest impone rigidi paletti, garantendo i finanziamenti solamente ove sia presentata una fidejussione di garanti convenzionati con la stessa (arduo). Altri finanziamenti vengono effettivamente concessi a associazioni ed imprese che non meriterebbero un finanziamento neanche di 100 euro. Altri enti concedono finanziamenti richiedendo garanzie, ove possibile, più stringenti di quelle bancarie.

Il resto dei finanziamenti segue strade diverse e non sempre in piano.  La maggior parte delle compagnie non ne vuole sentire parlare, anche se compagnie specializzate nel settore. Altre compagnie, con le dovute cautele, assumono buona parte dei rischi, ove la capacità economico-finanziaria del beneficiario sia piuttosto solida. Nei casi migliori i tassi si aggirano intorno all’1-1,5% a seconda di diverse variabili. Alcune Regioni, con buona pace di tutti, accettano tranquillamente le garanzie di società finanziarie ex. art. 106, rendendo un po’ più facile quello che sembra essere sempre complicato. In questo segmento, come in ogni altro del mondo delle cauzioni e delle fideiussioni, di sinistri non ne abbiamo ancora viste le ombre!

Sulla scorta delle considerazioni di cui sopra, sembra quasi che gli enti eroganti pubblichino bandi su bandi per mostrare la loro disponibilità al finanziamento, impiegando ovviamente molte risorse umane; le imprese presentano i progetti (con ovvio dispendio di risorse); gli enti concedono sulla carta i finanziamenti, richiedendo fideiussioni più o meno stringenti, senza controllare minimamente la capacità economico-finanziaria dei potenziali beneficiari; infine, una buona parte dei beneficiari non riesce a trovare la fideiussione se non nel sistema bancario, che ovviamente richiede garanzie sempre più forti. E chi vuol esser lieto sia.


Assicuriamoci Bene ha predisposto il servizio gratuito di quotazioni fideiussioni e cauzioni per gli utenti del Blog, fornito dal Broker Dott. Ugo Centurioni iscritto al RUI con N. B000358642 in data 3 novembre 2015, con sede legale in via Cavallotti 71 Monza (MB):

SERVIZIO DI QUOTAZIONE FIDEIUSSIONI E CAUZIONI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.