Il Presidente della Repubblica e lo Spread

Le votazioni per l’elezione del Presidente della Repubblica sono previste nei prossimi giorni e il toto-nomi, come e’ giusto che sia, impazza: tra I tanti nomi che sono stati fatti mi soffermerei su Romano Prodi e Mario Monti, i candidati che, secondo me, fornirebbero piu’ rassicurazioni ai mercati finanziari e all’Unione Europea.

Entrambi sono stimati in Europa, avendo ricorperto incarichi importanti a livello europeo (Prodi e’ stato Presidente della Commissione Europea, mentre Monti e’ stato Commissario Europeo per la Concorrenza).

Entrambi godono della stima dei mercati finanziari per l’operato dei loro governi: quelli presieduti da Prodi (1996-98 e 2006-2008) hanno registrato ottimi resultati sotto il profilo della riduzione del deficit e del debito pubblico, mentre il governo “tecnico” di Mario Monti, pur registrando un aumento del debito pubblico, ha visto scendere lo spread, fino a vederlo dimezzare.

Non dimentichiamo poi che entrambi sono stati consulenti di un’istituzione finanziaria del calibro di Goldman Sachs, il che dice tutto sulla considerazione che essi godono nella finanza globale.

Se dunque tra le caratteristiche da prendere in considerazione per la scelta del futuro Capo dello Stato ci fosse quella di “figura anti-spread”, sia Monti che Prodi sembrerebbero avere un curriculum all’altezza!

 

 


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.