Guida completa per risparmiare sulla polizza di assicurazione auto

La guida rc auto

La scelta della polizza auto crea puntualmente  mille dubbi ed incertezze:

  • Come acquistare il prodotto che offre maggiori garanzie al miglior prezzo?
  • Scelgo una polizza on-line? Acquisto telefonicamente?
  • Mi rivolgo ad una delle tante diverse  filiali sparse nella mia città?
  • Chiedo alla mia banca di fiducia?
  • Seguo le indicazioni di un Agente o di un Broker?

In questi anni Assicuriamoci Bene ha pubblicato numerosi articoli sull’argomento (che potrete visualizzare cliccando sugli approfondimenti) ed oggi vi propone questa Guida semplice e veloce che vi seguirà passo dopo passo nella scelta della polizza più adatta alle vostre necessità.

PREPARIAMO I DOCUMENTI NECESSARI PER STIPULARE UN CONTRATTO RC AUTO

Partiamo subito dalla recente novità normativa in cui, dal 1° gennaio 2013, non occorre più presentare disdetta all’impresa assicurativa (in precedenza la disdetta andava fatta almeno 15 giorni prima della scadenza). Al contrario se l’impresa assicurativa ha inviato disdetta al cliente e questo desidera rinnovare con la stessa impresa, quest’ultima ha l’obbligo di rinnovare il contratto, soprattutto non considerando il cliente come “nuovo” dal punto di vista tariffario (approfondimento).

Per stipulare un contratto RC Auto occorrono principalmente due documenti:

  1. Carta di circolazione del veicolo (chiamata anche libretto di circolazione)
  2. L’attestazione dello stato di rischio (chiamato brevemente attestato di rischio)

La carta di circolazione è in nostro possesso se abbiamo già acquistato il veicolo, altrimenti se fossimo in procinto di acquistarne uno, è necessario recuperare almeno alcuni dati essenziali che troverete elencati cliccando l’approfondimento.

L’attestato di rischio ci viene consegnato dalle imprese assicurative ogni anno almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto (approfondimento). Se il documento ricevuto presenta errori occorre farli rettificare dall’impresa stessa (approfondimento).

Una cosa importantissima che bisogna verificare nell’attestato di rischio, è che non vi sia applicato erroneamente il malus, soprattutto nel caso in cui abbiamo avuto un sinistro senza responsabilità o con responsabilità inferiore al 50% (approfondimento). Nel caso in cui abbiamo avuto invece un sinistro con responsabilità tale da far scattare correttamente il malus è possibile valutare di conservare la classe di merito (approfondimento).

Se state per acquistare una nuova automobile, la classe di ingresso per un nuovo contratto assicurativo è la CU 14. E’ comunque possibile aderire a quanto previsto dal Decreto Bersani utilizzando la stessa classe  di merito di un vostro convivente già in possesso di un veicolo negli ultimi cinque anni. (approfondimento n.1 e approfondimento n. 2).

Un caso singolare in cui è possibile imbattersi è quello di avere un attestato di rischio rilasciato da un’impresa in liquidazione coatta amministrativa, in tal caso è possibile sottoscrivere una dichiarazione per indicare la classe CU (approfondimento).

In caso di sostituzione di un veicolo già assicurato, sia per vendita, permuta o rottamazione, la classe di merito rimarrà invariata e non sarà necessario presentare l’attestato di rischio (approfondimento).

CONTINUA LA LETTURA DELLA GUIDA

 

3 commenti su “Guida completa per risparmiare sulla polizza di assicurazione auto

  1. fase 1 caso disdetta dalla compagnia causa incidente con responsabilità 50% la nuova normativa fa data al 1° gennaio 2013 la lettera ISVAP di approfondimento sull’obbligo di rinnovo è invece datata 4 nov 2010 (siamo sicuri che non è stata sorpassata da altre quisquiglie in merito?).
    sul contratto ho un 25% di sconto, nel medesimo è specificato che tale sconto potrebbe non essere presente l’anno successivo… per l’obbligo al rinnovo come non “nuovo” cliente verrò assicurato toglendomi tale sconto? Quale è la differenza tra nuovo e già cliente, mi pare che quelli nuovi vengano trattati meglio di quelli già clienti!
    La compagnia è ancora obbligata a inviare raccomandata per la disdetta del proprio cliente? e se il cliente non la riceve e fa un incidente nei successivi 15 gg dalla data di scadenza, inconsapevole di essere stato radiato? grazie una domanda un pò complessa che forse rischiede aggiunte all’articolo più che interessante Grazie

  2. Lo sconto concesso dall’intermediario non è detto che il successivo anno sia confermato, dipende dalla capienza del montesconti.

    Periodicamente le tariffe vengono cambiate, il “vecchio” cliente al rinnovo continua con lo stessa tariffazione, mentre quello “nuovo” no.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.