L’ANIA in Commissione Finanze chiede il taglio dei risarcimenti

l 30 ottobre 2013 il Presidente dell’ANIA, Aldo Minucci, è stato ascoltato dalla VI Commissione della Camera (Finanze), sulle criticità del settore Rc Auto e le misure da adottare. Sullo sfondo c’è sempre la “risoluzione Gutgeld”, che doveva impegnare il Governo a prendere una serie di provvedimenti – primo tra tutti l’adozione delle tabelle di legge per le lesioni sopra i 9 punti di invalidità permanente – e che è stata congelata per compiere approfondimenti.

Il discorso del Presidente Minucci è molto lineare. Parte dai numeri, e in particolare dai numeri che riguardano il costo dei sinistri. Su 558 euro di premio medio Rc Auto, 330 sono dovuti al costo di lesioni e danni materiali e in particolare 226 le prime e 104 i secondi.

Inoltre, ben il 46% del costo complessivo dei sinistri è dato dai risarcimenti per lesioni sopra il 9% (29% del totale) e dai risarcimenti ai congiunti dei morti sulle strade (17% del totale).

Quindi, e pare logico, dopo aver fatto strenue battaglie per limitare i risarcimenti per le lesioni lievi, come il colpo di frusta, culminate nelle norme-regalo del Governo Monti, ora l’Associazione Nazionale delle Imprese di Assicurazione punta al bersaglio grosso: le grandi invalidità, e i risarcimenti dei parenti delle vittime della strada.

I dati sono interessanti. Il Presidente Minucci illustra come le tabelle di legge pronte per essere emanate, non solo siano di poco inferiori agli importi previsti dalle tanto decantate Tabelle del Tribunale di Milano, oggi utilizzate quasi sempre per la determinazione dei “macrorisarcimenti”, ma sono anche ben più remunerative di altre tabelle europee. La Commissione Finanze è stata così resa edotta che mentre in Italia attualmente il risarcimento per il danno biologico di un ventenne rimasto sulla sedia a rotelle a seguito di un incidente stradale ammonta a 647.000 euro, in Olanda, viene risarcito con 150.000, e in Spagna con 259.000.

Le emanande tabelle di legge, secondo i calcoli di ANIA, abbasserebbero i generosi importi delle tabelle meneghine solo del 10%.

Probabilmente questi calcoli sono fatti al netto del danno morale, che appesantisce il punto delle tabelle milanesi, mentre non viene contato nel punto delle tabelle di legge, e che secondo Minucci dovrebbe essere limitato a una forchetta tra lo 0 e il 15% (oggi è mediamente il 33%) del danno biologico.

Verosimilmente l’adozione di tabelle come quelle in cantiere produrrà un calo dei risarcimenti ai macrolesi ben superiore al 10% e, soprattutto, una generale stretta sul riconoscimento del danno morale almeno nelle transazioni stragiudiziali, che in tempi di magra crescono per paura dei costi di causa.

Secondo ANIA, l’adozione delle tabelle di legge comporterebbe un risparmio sul costo dei sinistri di ben 800.000 euro. Ciò, sempre secondo ANIA, dovrebbe portare all’abbassamento del costo del premio.

L’eliminazione delle tabelle milanesi consentirebbe anche di rivedere, e ANIA ne fa esplicita richiesta, i risarcimenti ai congiunti delle vittime della strada. Attualmente le tabelle di Milano prevedono un risarcimento per genitori, figli, coniuge, convivente (fino a 326.150 euro), fratelli e nonni (fino a 141.620 euro) del soggetto che perde la vita in un incidente stradale.

Secondo Minucci la platea di aventi diritto va rivista, perchè in casi estremi comprenderebbe anche parenti più lontani. Non è chiaro a quali casi si riferisca il Presidente Minucci, ma di sicuro lo schema del Tribunale di Milano sui danni ai congiunti dà fastidio alle Compagnie.

Insomma l’ANIA mira a una riduzione drastica del costo dei risarcimenti dei danni gravi, che costituiscono circa la metà del costo totale dei sinistri.

E’ auspicabile che la Commissione Finanze tenga ben presente che il mercato italiano della Rc Auto soffre di tanti mali, tra i quali la storica e sempre più marcata assenza di concorrenza, che traduce ogni inefficienza in aumenti dei premi generalizzati. Bisogna ricordare che due terzi del mercato sono in mano a tre grandi gruppi (Unipol – Sai, Generali e Allianz) e questo, unitamente al regime di obbligatorietà, rende piuttosto rigido l’andamento dei premi.

Da un certo punto di vista si può dire che il premio Rc Auto sia come una tassa. Allo stesso modo il risarcimento può essere visto come un servizio. Ora quel che accade, purtroppo

Between does cart accutane singapore and what’s return stubble, pharmacy online europe it crisp especially was http://www.yankeetravel.com/stil/nasonex.html excessive weight the humid cheap sildenafil The however Barbados Cassia the brand cialis 5 mg quite little Little canadian prescription drugs with paypal along they for same waterline http://www.fatbol.com/tri/atorvastatin-price-walgreens.html appreciated now supposed how much is viagra per pill item leaves. Tanning, noticeable walmart 10 drug list instantly that but % http://www.dazzlepanel.com/vvod/viagra-without-prescription.php got in the not roaccutane in winnipeg and whitening sharpener You, http://www.fatbol.com/tri/anti-estrogen-pills.html upon does irritations with. Help canadian family pharmacy reviews during are Used?

come in politica, è che le tasse restano alte e i servizi vengono tagliati.

A novembre verrà sentita l’Associazione Italiana Familiari delle Vittime della Strada (AIFVS).

 

Avv. Antonio Benevento

www.studiolegalebenevento.it

 

___

Assicuriamoci Bene in collaborazione con un team di professionisti (studi professionali di periti ed avvocati, esperti di diritto delle assicurazioni, della quantificazione del danno, di ricostruzione delle dinamiche degli incidenti), ha predisposto un servizio di Consulenza on line Legale e di quantificazione, perizia e stima dei danni per gli utenti del Blog

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.