carro_attrezzi_thumbGli italiani amano proteggersi dal furto e dall’ incendio del proprio veicolo ma, ancor di più, hanno a cuore la propria sicurezza su strada, temendo di rimanere in panne sul ciglio della corsia. Secondo quanto precisava pochi giorni fa il magazine SosTariffe.it, infatti, un terzo degli automobilisti italiani assicurati con la obbligatoria RCA avrebbe scelto di integrare il proprio contratto assicurativo fino a estendere le clausole della polizza alla tutela del veicolo e all’assistenza stradale.

Il recente sondaggio condotto da uno dei principali operatori del mondo assicurativo tricolore segnala pertanto come più di 3 italiani su 10 abbiano acquistato una specifica garanzia che include la tutela stradale all’interno della propria polizza, dimostrando così una particolare –e, considerate le proporzioni, probabilmente inattesa – sensibilità nei confronti della possibilità di fruire dell’assistenza su strada.

La propensione a tutelarsi contro i rischi da guida (foratura, guasto meccanico, ecc.), è oggi una priorità in grado di ergersi anche oltre la copertura contro furto e incendio (al terzo posto tra le clausole integrative) e l’infortunio del conducente (al secondo posto), e distanziando con percentuali scarsamente paragonabili la copertura contro i danni ai cristalli (al quarto posto). Tra le determinanti che permettono alle clausole di assistenza stradale di vantare tale primato, oltre alla percezione del fenomeno, anche i costi oramai competitivi dei pacchetti di supporto su strada.

Insomma, gli italiani temono i guasti stradali, tanto che il 54% del campione intervistato ha affermato di provare preoccupazione per ciò che potrebbe accadere nel caso in cui ci si trovasse nella sgradita condizione di dover far fronte a imprevisti di tale genere, rendendo le relative formule di cautela degli elementi di cui è necessario tenere in considerazione quando si approccia al preventivo di una nuova polizza.

2 pensiero su “Assistenza stradale, prima clausola integrativa della RCA”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.