Applicazione del Bersani per veicolo co-intestato

attestato1Una nostra lettrice ha posto un quesito al servizio “L’Esperto risponde”. Il dubbio riguarda l’applicazione del “Bersani” per un veicolo co-intestato.

Quesito posto dalla lettrice del Blog al servizio gratuito “L’esperto risponde“:

Se acquisto nuova moto intestata a figlia e fidanzato non conviventi, posso applicare la legge bersani e prendere l’ attestato di rischio del padre della ragazza che invece sono conviventi?

La compagnia assicuratrice puo’ rifiutare di applicare Legge bersani?

Risposta dello staff:

Abbiamo chiesto pareri allo staff di Assicuriamoci Bene, ed ai numerosi professionisti membri del Gruppo Linkedin di Assicuriamoci Bene, i quali hanno contribuito ad analizzare vari aspetti.

Iniziamo da quello più importante, si può applicare il “Bersani”?

Per la corretta applicazione del cd. “decreto Bersani” i veicoli interessati devono essere intestati al medesimo proprietario o ad altro componente del nucleo familiare stabilmente convivente; l’appartenenza al medesimo nucleo deve essere dimostrata tramite esibizione dello stato di famiglia o tramite autocertificazione.

L’articolo di legge, non esclude quindi la co-intestazione.

Il proprietario del veicolo, in questo caso la figlia, può utilizzare l’attestato di rischio di un convivente, purchè si tratti della stessa tipologia di veicolo. Inoltre dovrà presentare  lo stato di famiglia o autocertificazione, oltre all’attestato di rischio dell’altro veicolo. Se quest’ultimo non è nelle mani del padre, potrà richiederlo e ottenerlo entro 15 giorni.

Altro aspetto non banale, a livello tariffario cosa succede?

Generalmente le compagnie in caso di più proprietari del veicolo prendono in considerazione quale fattore di rischio “età” quella peggiore tra i due cointestatari.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.