Incidente con testimoni e gli danno torto. Che fare?

biciQuesito posto da un lettore del Blog al servizio gratuito “L’esperto risponde“:

Buonasera. Il giorno 6.4.2014 venivo urtato frontalmente da una bicicletta del tipo mountain bike, alla cui guida c’era un ragazzo. L’urto mo ha causato la rottura del paraurti ed altro (avendo una punto), Io ero fermo ed il ragazzo, maggiorenne, dalla sua corsia, senza alcuna ragione invadeva la corsia opposta di una strada provinciale e urtava l’auto. a seguito di verifica da parte dell’agente assicuratore, con fotografie del veicolo, autorizzava il carrozziere ad aggiustare il mezzo.

A distanza di un mese e mezzo circa, il liquidatore e di conseguenza la Compagnia assicurativa, senza alcuna prova di mia colpevolezza (premesso che ho dei testimoni) mi comunica che non vuole pagare e che sono stato io ad investire il loro assistito. Premetto che il ragazzo ha confermato che è stato lui a commettere e a provocare il danno, visto che io ero fermo. Cosa posso fare per evitare le vie legali?

Risposta dello staff:

Egregio Signore,
come spesso accade, il racconto dei nostri lettori non è sufficiente a darci la possibilità di fornire un parere esaustivo, poichè mancano alcuni dettagli essenziali. In particolare manca l’indicazione del tipo di accertamento della dinamica sia seguito immediatamente all’evento. Avete compilato un modulo CID? Sono intervenuti i vigili? Oppure ognuno ha provveduto a fare denuncia presso la propria assicurazione?

Inoltre dobbiamo chiederLe se ha già inviato all’assicurazione del ciclista una o più dichiarazioni scritte dai testimoni a Suo favore.

Senza questi dettagli è difficile azzardare una spiegazione del perchè la compagnia solvente non voglia pagare, o meglio, giacchè Lei anticipa che contesta la responsabilità del proprio assicurato, del come il liquidatore sia pervenuto a questa posizione. Testimonianze a favore del ciclista? O CID compilato male? Oppure ancora verbale dei vigili sfavorevole?

Per quanto possiamo dirLe, senza i predetti chiarimenti, una volta che ha spedito le dichiarazioni testimoniali che chiariscano che Lei era fermo e che il ciclista ha invaso la Sua corsia, la compagnia dovrebbe o pagare il tutto (in assenza di prove di dinamica contraria) oppure offrire una somma in concorso (se ci sono testimonianze contrarie). 

Inutile dire che qui un legale, se ancora non ce l’ha, rafforzerebbe le Sue richieste non poco.

Si potrebbe fare un reclamo, qualora non siano spiegati i motivi del diniego, ma solo dopo aver spedito le dichiarazioni testimoniali.

Se poi la compagnia non paga senza motivo, nemmeno dopo il reclamo, allora val la pena di far causa, anche per pochi soldi.

 

Lo Staff di Assicuriamoci Bene

 

___

Assicuriamoci Bene in collaborazione con un team di professionisti (studi professionali di periti ed avvocati, esperti di diritto delle assicurazioni, della quantificazione del danno, di ricostruzione delle dinamiche degli incidenti), ha predisposto il servizio gratuito “L’ esperto risponde” per gli utenti del Blog.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.