La vulnerabilità agli shock improvvisi del sistema alimentare globale

Lloyds-logo_1La vulnerabilità agli shock improvvisi del sistema alimentare globale, già messo a dura prova, e le ampie ripercussioni che questo fattore potrebbe avere sulle comunità, sulle imprese e sui governi è stata evidenziata oggi da un rapporto pubblicato dai Lloyd’s, l’operatore specializzato nei mercati dell’assicurazione e della riassicurazione.

 

Lo scenario, elaborato in collaborazione con illustri esponenti  del mondo accademico del Regno Unito e degli Stati Uniti, mostra le significative conseguenze economiche e umanitarie che potrebbero avere sull’economia globale gli sconvolgimenti metereologici – come ad esempio le catastrofi climatiche o le pandemie vegetali – spesso ulteriormente aggravati dall’influenza negativa dei mutamenti climatici.

 

Lo studio dimostra che l’impatto di El Nino, la diffusione della ruggine del frumento in Russia e le temperature più calde in Sud America potrebbero portare a un aumento di quattro volte dei prezzi del grano, del mais, della soia e del riso. Il report afferma, inoltre, che i mercati azionari europei potrebbero perdere il 10% del loro valore, mentre negli Stati Uniti potrebbe verificarsi una caduta del mercato azionario del 5%. Inoltre, questa serie di eventi potrebbe innescare rivolte per il cibo nelle aree urbane in tutto il Medio Oriente, in Nord Africa e in America Latina, che porterebbero ad una più ampia instabilità politica.

 

Vittorio Scala, Country manager dei Lloyd’s in Italia, ha così commentato:

 

“L’Expo di Milano è una grande opportunità per sollevare il dibattito su come gli sconvolgimenti metereologici, in una qualsiasi delle principali aree di produzione alimentare mondiale, potrebbero avere effetti devastanti sulle imprese e sulle comunità di tutto il mondo.”

 

“Lloyd’s è spesso la prima organizzazione a livello mondiale ad assicurare rischi nuovi o complessi, fornendo soluzioni di rischio su misura a livello locale e globale. Questo report è stato realizzato allo scopo di aiutare i nostri sottoscrittori ad identificare gli impatti della sicurezza alimentare, spesso trascurati in precedenza, e a garantire che i nostri prodotti soddisfino le esigenze mutevoli dei nostri clienti. ”

 

 

Tom Bolt, il Direttore del Performance Management dei Lloyd’s, ha così dichiarato:

 

“Tradizionalmente gli assicuratori prendono in esame solo l’impatto finanziario e fisico delle catastrofi. Ma nel mondo odierno sempre più interconnesso, questi eventi possono avere conseguenze economiche e umanitarie complesse e di vasta portata.”

 

“Il settore assicurativo svolge un ruolo chiave per migliorare la resilienza delle comunità, delle imprese e dei governi. Il nostro compito non è solo quello di garantire che la nostra capacità di pagamento dei crediti li aiuti a riprendersi rapidamente da questi eventi, ma anche di far sì che acquisiscano una maggiore consapevolezza dei rischi complessi che devono affrontare in un mondo globalizzato “.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.