Autostrada-a-16-Napoli-Bari

Quante volte le coppie soprattutto quelle giovani decidono di comprare dei beni in comune, magari per ragioni di budget o più semplicemente per condividere qualcosa?

Tra questi beni uno dei più frequenti, per ragioni economiche, è l’auto cointestata.

In ambito assicurativo, occorre però decidere quale dei due proprietari dovrà stipulare il contratto assicurativo, e soprattutto a quale dei due conviene. La risposta non è unica, in quanto occorre approfondire almeno i seguenti aspetti:

  1. se entrambi i proprietari del nuovo veicolo cointestato siano anche proprietari di un altro veicolo assicurato
  2. la classe CU dell’attestato di rischio dei due proprietari
  3. conviventi o non conviventi
  4. se il nuovo veicolo sostituisce un veicolo in procinto di alienazione

ASPETTO TARIFFARIO

Sul nuovo veicolo cointestato da assicurare non si prenderà a riferimento l’anzianità assicurativa (pagellino sinistri) di entrambi i proprietari in base ai singoli attestati di rischio, dato che il nuovo veicolo verrà assicurato per la prima volta, ma si prenderanno in considerazione per entrambi i proprietari vari elementi tariffari quali età, luogo di residenza, patente, etc se previsti dalle singole compagnie di assicurazione nella “tariffa”.
Ove possa esser applicato il “Bersani” si prenderà la classe CU del proprietario che sarà contraente, non vi sarà differenza in termini tariffari relativamente alla classe di merito se entrambi i proprietari dispongono della stessa classe CU ad esempio di una classe CU1, altrimenti converrà utilizzare la classe migliore.
CONTRATTO SENZA ATTESTATO DI RISCHIO
Se entrambi i proprietari del nuovo veicolo cointestato non sono in possesso di altri veicoli assicurati, la polizza del nuovo veicolo cointestato potrà esser stipulata da uno dei due in classe 14.
CONTRATTO CON ATTESTATO DI RISCHIO E “BERSANI”
Se entrambi i proprietari del nuovo veicolo cointestato fossero in possesso di altri veicoli assicurati che non verranno alienati, per il nuovo veicolo cointestato si potrà scegliere il contraente sfruttando la “legge bersani” con la miglior classe CU.
Bisogna però distinguere i casi in cui i due cointestatari del veicolo siano “conviventi” oppure no: nel primo caso (conviventi) si potrà applicare la “legge bersani” sfruttando il migliore attestato tra i due proprietari, mentre nel secondo caso (non conviventi) solo quello del contraente.
In quest’ultimo caso, se ad esempio il contraente sarà “lei”, potrà utilizzare la “legge bersani” con il proprio attestato di rischio relativo all’altro veicolo di sua proprietà con la medesima classe CU, ma non quello del compagno non convivente.
Se invece solo uno dei due proprietari del nuovo veicolo cointestato è in possesso di un altro veicolo assicurato che non verrà alienato, converrà far stipulare il contratto del nuovo veicolo cointestato al possessore dell’attestato nel caso in cui non siano conviventi, mentre risulterebbe indifferente la scelta del contraente in caso di convivenza.
LEGGE BERSANI – Art. 134 comma 4-bis. L’impresa di assicurazione, in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto, relativo a un ulteriore veicolo della medesima tipologia, acquistato dalla persona fisica già titolare di polizza assicurativa o da un componente stabilmente convivente del suo nucleo familiare, non può assegnare al contratto una classe di merito più sfavorevole rispetto a quella risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato.
CONTRATTO CON SOSTITUZIONE VEICOLO ASSICURATO
Se invece uno dei due veicoli assicurati dovesse esser alienato, si può optare per la sostituzione del veicolo assicurato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.