PRIVACY E CYBER RISK SINERGIE DELLA PROTEZIONE E DELLA GESTIONE DEI DATI ALLA LUCE DEL NUOVO GDPR

Si è svolto a Milano, presso il Milan Marriott Hotel, il Convegno organizzato da ACB , Associazione di Categoria Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni, sul tema Privacy e Cyber Risk – Sinergie della protezione e della Gestione dei dati alla luce del nuovo GDPR. Elevata la partecipazione all’evento che ha ospitato una platea attenta e composta da referenti di Compagnie Assicurative, Società di Brokeraggio, Istituzioni e Associazioni di Categoria.
I relatori presenti hanno affrontato alcuni argomenti tra i più significativi di queste novità, evidenziando con i loro interventi la complessa normativa che influirà sull’attività quotidiana della categoria dell’intermediazione assicurativa.
Il dibattito della tavola rotonda, che si è svolto nel pomeriggio e che è stato moderato da Marcella Frati, Giornalista e Direttore di EMF Group , ha ripreso il tema del Convegno con l’analisi da parte di alcuni esponenti di rilievo del Mondo Assicurativo e delle Istituzioni sul Cyber Risk, GDPR e Coperture Assicurative: recepimento della Lettera al Mercato Ivass.
Si sono avvicendati sul palco : Antonio Longo, Avvocato esperto di Diritto delle Assicurazioni e docente di diritto degli Intermediari Finanziari presso l’Università della Tuscia di Viterbo, Paolo Cupola, Formatore ed esperto di Privacy e Antiriciclaggio, Andrea Maura, Avvocato partner dello studio legale Legal Grounds, Alessandro Leone, Partner Grant Thornton Financial Advisory Services, Patrizia Contaldo, Docente presso l’Università L. Bocconi di Milano, Head of Observatory on Insurance Market Baffi Carefin, Maria Teresa Paroli, Amministratore Delegato
HIT Internet Technologies, Stella Aiello, Responsabile Dirigente del Servizio Distribuzione Ania, Chiara Ceriolo, Legal & Compliance Manager Chubb Italia e Orazio Rossi Country President Chubb Italia.
Una giornata all’insegna della consapevolezza di come la categoria dovrà affrontare il futuro prossimo tra cambiamenti determinati da fattori diversi, quali l’innovazione tecnologica e i suoi rischi, i nuovi modelli organizzativi e le modalità con cui si accede a dati e informazioni confidenziali, oltre che il modo in cui vengono protette.

E ACB, sempre attenta alle esigenze dei suoi associati, sta preparando gli strumenti e le linee guida per ottemperare alle nuove normative.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.