Chubb annuncia alcuni cambiamenti nella struttura organizzativa

Il nuovo modello organizzativo è focalizzato sulla customer experience e il servizio prestato ai distributori e prevede che ci si interfacci con un gruppo di underwriter per segmento di business, anziché con un singolo interlocutore per linea tecnica.

I segmenti di mercato a cui Chubb si rivolge con l’obiettivo di assicurare standard di servizio eccellenti senza pregiudicare la qualità della sottoscrizione sono: Major account, Middle market e SME.

La riorganizzazione ha effetto dal 13 marzo 2019 e prevede quanto segue:

P&C
Paolo Salomone è nominato P&C Country Manager. Nel ruolo affiancherà, in qualità di business leader, Renato Zotti, già A&H Country Manager, coordinando tutte le linee di business nel Property & Casualty.

Segmento Major Account                                                                                           Paolo Tassetti assume la carica di Major Account Segment Leader. Nel ruolo coordinerà, insieme a un underwriting team dedicato, tutte le attività nel segmento di mercato rappresentato dalle imprese di fatturato superiore a 500 ml di euro.

Segmento Middle Market e SMEA capo delle Industries e dei segmenti Middle Market e SME, è confermato Stefano Vincoli, in qualità di Corporate & Distribution Director. Nel suo ruolo si avvarrà di underwriters dedicati per ciascuna delle tre aree di business indicate.

Altri cambiamenti                                                                                             Nell’ambito della riorganizzazione, tre colleghe andranno ad assumere la responsabilità di linee di business in ambito P&C:

Paola Brambilla, nominata Casualty Manager• Grazia Lanfranconi, in qualità di Property Manager                                                • Raffaella Palumbo, nominata Technical Lines Manager

Orazio Rossi, Country President di Chubb in Italia, ha dichiarato:


“Tali cambiamenti rappresentano un’evoluzione per Chubb e dimostrano l’impegno a porre il cliente al centro della nostra attività. Ci permettono inoltre di rispondere al meglio alle sfide attuali e future del mercato. Siamo consapevoli della necessità di essere più vicini ai nostri clienti e ai loro intermediari per offrire soluzioni efficaci rispetto ai loro bisogni. Questa nuova organizzazione ritengo sia un importante passo avanti nella giusta direzione”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.