Food delivery: Mansutti pensa ad una copertura per i riders

Nasce la prima copertura per i “partner di consegna” con costi e coperture on-demand sottoscrivibili dai singoli riders, a validità giornaliera o settimanale, al fine di consentire loro di tutelarsi per brevi periodi, senza dover anticipare il costo di una copertura annua.

“Da profondi conoscitori del settore del food-delivery al quale ci accomuna la vocazione per lo sviluppo di idee, progetti e soluzioni innovative sempre più smart, abbiamo predisposto una tutela per la professione delle consegne, e specificatamente per la tutela della salute e del patrimonio dei riders, per i casi di infortunio o danni a terzi, durante lo svolgimento di una consegna”, evidenzia Tomaso Mansutti, Amministratore Delegato di Mansutti.

I partner di consegna saranno, quindi, in grado di acquistare, con pochi click e a costi in linea con il loro modello di business, coperture dedicate ed innovative (in caso di lesioni verificatesi in situazioni di comprovate o situazioni metereologiche avverse, gli indennizzi verranno maggiorati e, nei casi più gravi, corrisposti addirittura senza applicazioni di franchigie).

“Agganciando le coperture agli strumenti tecnologici solitamente utilizzati da questi peculiari operatori del lavoro autonomo, che possono scegliere quanto, quando, dove e come svolgere le consegne, i riders ora possono integrare autonomamente le tutele già offerte dalle piattaforme, anche se non ancora aderenti ad AssoDelivery”, sottolinea Davide Vacher, Associate Account di Mansutti che ha partecipato alla creazione di queste inedite garanzie.

L’accesso a queste particolari protezioni è stato industrializzato tramite la start-up YOLO, che vede Mansutti come primo investor con una quota del 18,84%, assieme al fondo Primomiglio (17,99%), ed Intesa (Neva Ventures 17,50%).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.