COVID19 – Novità sulla sospensione RCA

Il Decreto-legge Cura Italia n. 18/2020 (Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. Proroga dei termini per l’adozione di decreti legislativi.) è stato approvato il 24 aprile, in via definitiva, dalla Camera dei Deputati nel testo identico a quello già approvato dal Senato ed è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale s.g. n.110 del 29-04-2020 – Suppl. ordinario n. 16. Nel provvedimento sono presenti diversi temi di interesse per il settore tra cui:

– Art. 125 (Proroga dei termini nel settore assicurativo e per opere di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile dei piccoli Comuni).

La norma prevede una proroga dei termini riferita alla r. c. auto. Infatti, durante l’iter al Senato sono stati approvati alcuni emendamenti che hanno reso applicabile l’estensione del periodo di comporto, da 15 a 30 giorni, a tutti i contratti scaduti e non ancora rinnovati, o che scadranno, nel periodo complessivamente compreso tra il 21 febbraio e il prossimo 31 luglio. Aumentando così il numero dei contratti che possono beneficiare dell’estensione del periodo di comporto assicurativo, rispetto alla versione originaria della norma contenuta nel d. l. “Cura Italia” che prevedeva l’applicazione del beneficio a partire dal 17 marzo, data di entrata in vigore del d. l. stesso.

Si prevede inoltre, la possibilità per l’assicurato di chiedere la sospensione per legge della copertura assicurativa, fino al 31 luglio.

La sospensione ex lege, non prevista nel testo originale, è a titolo gratuito per l’assicurato che ne fa richiesta ed è aggiuntiva e non sostitutiva rispetto alla sospensione prevista dal contratto.

La nuova norma, a fini di chiarezza, ribadisce il divieto di circolazione e di sosta su strade e aree a uso pubblico del veicolo durante l’eventuale sospensione della polizza.

Si segnala, infine, che è rimasta invariata la norma, sempre prevista dall’art. 125, secondo la quale sono prorogati di ulteriori 60 giorni i termini previsti per la formulazione dell’offerta di risarcimento di un sinistro r. c. auto da parte della compagnia o della motivata contestazione, nei casi di necessario intervento di un perito o del medico legale ai fini della valutazione del danno alle cose o alle persone. Anche questa proroga trova applicazione fino al 31 luglio 2020.

Fonte: ANIA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.