Sara Assicurazioni approva il Bilancio 2019

L’Assemblea degli Azionisti di Sara Assicurazioni ha approvato il bilancio relativo all’esercizio 2019, che chiude con un utile netto pari a 63,1 milioni di Euro, in aumento dell’1,85% rispetto al 2018, e il bilancio consolidato 2019, che registra un utile netto di 76,6 milioni di Euro, in incremento del 7,15% rispetto al 2018 e che contiene, al suo interno, la Dichiarazione Consolidata di carattere non Finanziario.

Per quanto riguarda la destinazione dell’utile 2019, l’Assemblea, pur consapevole della forte posizione di solvibilità della Compagnia e del Gruppo, anche alla luce delle raccomandazioni emanate di recente da IVASS, ha comunque rinviato ogni decisione alla seconda metà dell’anno, per meglio contestualizzare gli impatti della crisi sull’economia e sulle attività assicurative.

L’Assemblea degli azionisti della controllata Sara Vita ha approvato il bilancio dell’esercizio 2019, che chiude con un risultato di 4,3 milioni di Euro (0,8 milioni di Euro nel 2018), destinati interamente alla Riserva Straordinaria.

I fascicoli del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato corredati della relazione del Collegio Sindacale e delle relazioni della Società di Revisione sono disponibili presso la sede sociale e sul sito internet della Società www.sara.it all’interno della sezione Investor.

Questi ottimi risultati hanno permesso alla Compagnia di affrontare con determinazione le criticità legate all’Emergenza COVID-19, a partire dall’esigenza di mettere in sicurezza dipendenti e rete agenziale, assicurando allo stesso tempo il 100% dell’operatività alla rete agenziale e agli assicurati:

  • il 99% dei dipendenti ha lavorato in smart working;
  • è stato istituito un fondo che vale fino a 10 milioni euro per anticipazioni finanziarie rivolte agli agenti;
  • è stato stanziato un contributo economico pari a 250 mila euro per l’acquisto di materiale igienico-sanitario ad uso delle agenzie;
  • a beneficio del miglior servizio verso gli assicurati, abbiamo sviluppato SaraSuperPay per consentire la gestione a distanza di rinnovi e sostituzioni di polizza attraverso la nostra rete agenziale;
  • è stata estesa gratuitamente la coperture ad eventi legati al COVID-19 agli assicurati con polizze malattia, infortuni e commercio
  • sono stati prorogati i termini di pagamento e introdotti ulteriori frazionamenti di premio a maggior favore degli assicurati (per far fronte alla inevitabile crisi di liquidità particolarmente sentita da esercenti, piccole imprese e artigiani).

     

    Si è poi ritenuto necessario dare un segnale forte di appartenenza alla comunità nazionale predisponendo lo stanziamento di un fondo di 500.000 Euro a supporto di iniziative inerenti l’emergenza COVID-19. Lo stanziamento ha permesso, fino ad ora, di dare seguito a diverse iniziative di solidarietà tra cui ricordiamo i 70.000 Euro donati all’Ospedale IDI di Roma e i 70.000 Euro donati all’Ospedale di Galatina di Lecce per il finanziamento di posti letto per la terapia intensiva. A questo si è aggiunta la donazione di 1 Euro per ogni polizza incassata nel periodo 1° aprile – 30 aprile 2020 per un importo di ca. 100.000 Euro destinati alla CRI e stessa operazione nel periodo 1° maggio – 31 maggio per pari importo destinato all’INMI Spallanzani di Roma.

     

     “Gli ottimi risultati conseguiti da Sara Assicurazioni e Sara Vita nel 2019 ed i progressi compiuti sul fronte dell’innovazione digitale – ha commentato il Direttore Generale, Alberto Tosti – hanno permesso una disinvolta gestione della continuità operativa e ci hanno consentito di adoperarci con cura e lucidità per gestire al meglio le possibili azioni di contropiede finalizzate a contenere gli effetti negativi della straordinaria congiuntura che stiamo attraversando.  Il nostro principale impegno sarà quello di assicurare un adeguato supporto a tutti gli stakeholders, in particolare a quelli che più ci stanno a cuore: dipendenti e agenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.