Perchè le Compagnie di assicurazione non falliscono (quasi) mai?

rmcube

E’ risaputo che le compagnie di assicurazioni, assieme alle banche, occupano un ruolo e quindi una funzione molto rilevante nelle economie di tutto il mondo e quindi nelle istituzioni finanziarie.
Come mai sono e saranno sempre le istituzioni finanziarie più importanti?
Come mai non si sente (quasi) mai in giro (giornali, radio, TV) che una compagnia di assicurazioni è fallita?

Leggi tuttoPerchè le Compagnie di assicurazione non falliscono (quasi) mai?

RC casa obbligatoria come panacea di tutti i mali?

A seguito della tragedia che ha colpito l’ abruzzo si sono drammaticamente allargati i temi e le discussioni sulla necessità di  assicurare i rischi legati a disastri naturali in un Paese come il nostro fortemente esposto ai danneggiamenti provocati dalle calamità. Tale dato è confermato da una ricerca condotta dal Ministero dell’Ambiente e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dalla quale risulta che il 45,3% dei Comuni italiani è posizionato in zone soggette a disastri naturali, provocati da fenomeni meteorologici, come alluvioni, smottamenti, siccità e valanghe; mentre il 61,2 % dei Comuni italiani ha subito danni provocati dai terremoti negli ultimi 1000 anni.

Leggi tuttoRC casa obbligatoria come panacea di tutti i mali?

Bel Paese: l’importanza della diffusione di una cultura assicurativa

italia

 Il settore assicurativo, per le sue caratteristiche intrinseche, presenta una spiccata dimensione sociale.    In effetti l’ assicurazione svolge la funzione di ammortizzatore sociale fornendo una risposta ai bisogni di sicurezza attraverso la sua attività caratteristica di gestione e copertura dei rischi.

Tale profilo sociale non trova tuttavia riscontro nella percezione del settore assicurativo da parte della collettività: emerge un problema di scollamento tra la dimensione sociale connaturata al servizio assicurativo e l’immagine dell’assicurazione.

In Italia la percezione della polizza assicurativa come “tassa da pagare” risulta particolarmente evidente se si procede ad un confronto con gli altri Paesi europei e si escludono le polizze auto.
Considerando solo le polizze rami elementari è evidente come allo stato attuale l’Italia sia un Paese sottoassicurato: gli italiani tendono ad acquistare l’assicurazione, e in particolare quella danni, principalmente come conseguenza dell’esistenza di un obbligo (es. Rc auto).
Gli altri rischi restano a carico dei singoli individui i quali ricorrono alla cosiddetta “autoassicurazione”.

Leggi tuttoBel Paese: l’importanza della diffusione di una cultura assicurativa

Pubblicato il primo manuale per la la preparazione al prossimo esame per l’iscrizione al registro degli intermediari assicurativi

Il nuovo manuale per la preparazione alla prova di idoneità per l’iscrizione alle sezioni A (Agenti) e B (Broker) del RUI, edito da Edizioni Simone, uscirà in tutte le librerie a fine Marzo 2009, in coincidenza con l’inizio della preparazione di tutti i candidati.

Leggi tuttoPubblicato il primo manuale per la la preparazione al prossimo esame per l’iscrizione al registro degli intermediari assicurativi

Polizze vita: quali rischi sulla vita possono essere “coperti”

Con questo articolo apriamo una nuova rubrica del nostro blog dedicata alle varie tipologie di prodotti assicurativi relative al ramo vita, al ramo danni – auto e ramo danni non – auto.
In questo articolo  e nei prossimi legati a questa rubrica mi propongo di fornire un quadro, per quanto possibile completo, di tipologie di polizze vita, quando e per chi può essere utile coprire un rischio, quali individui e in quali tempistiche si beneficia delle garanzie previste dal contratto assicurativo.

Leggi tuttoPolizze vita: quali rischi sulla vita possono essere “coperti”

“In pillole”

Le leggi sulla Responsabilità civile auto cambiano continuamente, creando spesso una serie di dubbi negli automobilisti.
Facciamo chiarezza su alcuni punti fondamentali, mostriamo “in pillole” un decalogo su alcuni comportamenti da tenere in merito a delle eventuali situazione che possono verificarsi.

E’ pur vero che non si può pretendere una staticità assoluta sulla normativa rca, non si possono avere delle regole immutabili come se fossero scolpite in un marmo, ma adesso si sta eccedendo.
Questa è la lamentela che molti automobilisti muovono ai Governi che si susseguono e che introducono di continuo nuove regole studiate per far risparmiare i cittadini; impegno encomiabile da parte dei Governi ma ciò modifica le “consuete” procedure e regole.

Leggi tutto“In pillole”

Preventivatore unico R.C.A.

 Il nuovo sistema online istituito dall’ISVAP per confrontare le offerte di tutte le compagnie

Dal nome sembra una sorta di mago o un’austera figura del medioevo  ma grazie a lui sarà più semplice e chiaro per i cittadini confrontare, con un’unica sessione di collegamento ad internet, i preventivi Rc auto di circa 70 compagnie classificati in ordine di convenienza economica.

Esso sarà sicuramente utile per una prima verifica delle offerte presenti sul mercato, in un secondo momento il consumatore potrà comunque rivolgersi direttamente alla compagnia per approfondire e definire le condizioni contrattuali scelte. Ciò consentirà agli utenti di scegliersi la compagnia più vicina  alle proprie esigenze e di avere una più immediata conoscenza del mercato.

Rispetto ai servizi online comunemente presenti in internet, il preventivatore unico dell’Isvap  si distinguerà per la sua ampia gamma di formule e compagnie presenti nel suo database.
Al consumatore spetterà solamente compilare una sorta di questionario in base ai suoi requisiti ed esigenze assicurative; chiaramente più il questionario sarà completo e maggiore sarà la precisione della formula trovata.

I premi calcolati dal preventivatore saranno basati sulle tariffe praticate dalle compagnie, senza riferimenti quindi a sconti, convenzioni, altre formule tariffarie diverse dalla formula più diffusa, il bonus-malus od opzioni e il massimale indicato sarà quello minimo per legge ( 775 mila euro circa).

Leggi tuttoPreventivatore unico R.C.A.

RC auto: dal 2009 massimali piu’ alti.

Ecco la novità per l’anno 2009, massimali più alti per garantire di più il proprio patrimonio.

Con il recepimento della Direttiva europea n.14 del 2005/Ce, si è disposto che la copertura assicurativa rc auto per i danni alla persona deve essere stipulata per un massimale minimo di 1 milione di euro per ciascuna vittima o, in alternativa, di 5 milioni di euro per sinistro indipendentemente dal numero delle vittime. Tale scelta è demandata alle legislazioni nazionali di recepimento. Con la conseguente attuazione della stessa nel nostro ordinamento tramite il Dlgs 198 del novembre 2007, a partire dall’11 dicembre 2009 diventeranno obbligatori massimali pari ad almeno 2,5 milioni di euro per sinistro con danni alle persone, indipendentemente dal numero delle vittime, e a 500mila euro per sinistro con danni alle cose. Successivamente, entro l’11 giugno 2012, queste cifre verranno raddoppiate.

Leggi tuttoRC auto: dal 2009 massimali piu’ alti.

Registro unico degli intermediari – RUI

Una delle novità più importanti introdotte negli ultimi anni in ambito assicurativo, è il Registro unico degli intermediari, abbreviato RUI, tale strumento è un albo che include tutti gli intermediari abilitati ad esercitare l’attività assicurativa.

Il Registro è suddiviso in 5 sezioni:

  • sezione A (agenti),
  • sezione B (broker),
  • sezione C (produttori diretti di imprese di assicurazione),
  • sezione D (banche, intermediari finanziari ex art. 107 del Testo Unico Bancario, Sim e Poste italiane – Divisione servizi di bancoposta),
  • sezione E (collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B e D che operano al di fuori dei locali di tali intermediari).

Tale registro è pubblicato nel sito istituzionale dell’organo di vigilanza, Isvap, il quale ha inoltre pubblicato una FAQ per chiarire ed interpretare le norme sull’attività di intermediazione assicurativa..

Leggi tuttoRegistro unico degli intermediari – RUI

Trasparenza verso la clientela

Negli ultimi anni l’introduzione di nuove regole assicurative hanno aumentato sia la trasparenza contrattuale verso la clientela, sia obblighi comportamentali degli intermediari.

Il regolamento n. 5 del 2006 Isvap ed il codice delle assicurazioni private e le successive modifiche hanno cambiato radicalmente il modo di operare degli intermediari e delle compagnie assicurative.

Leggi tuttoTrasparenza verso la clientela