Previdenza complementare: buoni i rendimenti ma scarsa l’adesione, perchè?

tabella 1

Dati alla mano la Previdenza Complementare non decolla. Quest’affermazione è condivisa sia dall’Ania in un’audizione del 25 febbraio 2010 del dott. Fabio Cerchiai e sia dall’organismo di vigilanza dei fondi pensione (Covip) in cui si è già lamentata più volte.

Leggi tuttoPrevidenza complementare: buoni i rendimenti ma scarsa l’adesione, perchè?

Gli investimenti dei fondi di previdenza complementare

Continiamo a parlare di previdenza complementare, dopo avere spiegato nei precedenti articoli le fasi di adesione e di contribuzione, spiegando brevemente, la terza fase ovvero l’accumulazione.

I contributi che vengono versati nel fondo vengono investiti tramite una gestione finanziaria. Questa è una fase molto importante in quanto i rendimenti della gestione influiscono nel montante finale ovvero nel valore del capitale che si accumulerà al momento della pensione. Quest’ultima quindi dipenderà dall’entità dei contributi versati e dai rendimenti ottenuti negli anni.

Esistono diversi tipi di gestione finanziaria, che tengono conto dei differenti profili rischio/rendimento, tra i più comuni vi sono:

Leggi tuttoGli investimenti dei fondi di previdenza complementare

Quanto vale il mio Colpo di frusta? [seconda parte]

Nel precendente articolo ho spiegato come quantificare il danno da “colpo di frusta” facendo anche un esempio. In questo articolo mi propongo di approfondire il tema dandovi dei consigli.

Innanzitutto voglio sottolineare che qualsiasi lesione ulteriore rispetto alla distorsione del rachide cervicale (es. distorsione rachide lombare, infrazione costola, lesioni alle dita), comporterà un maggior danno da invalidità permanente, con conseguente innalzamento dell’importo totale.

Così come, potenzialmente, la percentuale di invalidità permanente potrebbe anche essere inferiore al 2%, essendo il colpo di frusta, come già detto, tabellato come corrispondente a 0-2% di I.P..

Leggi tuttoQuanto vale il mio Colpo di frusta? [seconda parte]

Quanto vale il mio colpo di frusta? [prima parte]

colpodifrusta

Il colpo di frusta è un argomento molto dibattuto, dedicheremo diversi articoli per approfondire questa tematica. Avevamo già pubblicato un articolo per discutere sulla veridicità del colpo di frusta ( Colpo di frusta o un trucco ormai conosciuto per guadagnare qualcosa? ).

Questa domanda sarà passata per la testa di quasi tutti i danneggiati che in un incidente stradale hanno riportato il famoso “colpo di frusta”, ovvero la distorsione del rachide cervicale.

Leggi tuttoQuanto vale il mio colpo di frusta? [prima parte]

Polizze dormienti: attenzione alla prescrizione

Le polizze dormienti rientrano in quella categoria di fondi mai movimentati, una sorta di contratti “fantasma” a cui per legge è stata apposta la scadenza di un anno dalla stipula nel caso in cui non venga rivendicato alcun incasso sul maturato.

Entro un anno, recita infatti il Codice civile, gli effetti dei contratti vanno in prescrizione.

I problemi per coloro i quali hanno diritto a polizze vita non riscattate cominciano con le modifiche di legge (n.166/2008) sul fondo dei rapporti dormienti che, se da un lato ha stabilito il raddoppio del tempo (da uno a due anni) per riscattare le somme detenute dalla Compagnie Assicurative, dall’altro ha previsto che scaduto il termine relativo alla prescrizione, gli indennizzi vadano al fondo dei rapporti dormienti e non più nelle “casse” delle Compagnie.

Tale circostanza impatta in modo notevole sui beneficiari i quali, decorsi due anni dal verificarsi dell’evento coperto dalla polizza e maturata di conseguenza la prescrizione, non hanno più alcun diritto di ottenere la prestazione e di incassare alcuna somma maturata.

Leggi tuttoPolizze dormienti: attenzione alla prescrizione

Preventivi e Assicurazioni sulla vita: Un’Introduzione

Le assicurazioni vita possono essere fondamentalmente di tre tipi: assicurazione per il caso morte, assicurazione per il caso vita e poi alcune forme miste di assicurazioni che comprendono i vantaggi delle prime due. Esistono anche altri tipi di prestazioni di questo tipo, come assicurazioni contro malattie, invalidità, infortuni o altre assicurazioni di capitalizzazione, come pensioni integrative o fondi di investimento legati ai conti correnti. Si tratta di assicurazioni complesse e delicate, per le quali è fondamentale una buona informazione. Qui diamo una breve sintesi sui tipi più comuni.

Assicurazione per il caso morte
Nella forma più classica, l’assicurazione sulla vita consiste in un importo prestabilito che la compagnia dovrà liquidare al momento della morte dell’assicurato. Normalmente il beneficiario o i beneficiari sono i familiari dell’assicurato. E’ possibile comunque revocare o modificare l’assicurazione con una comunicazione alla compagnia o tramite

Leggi tuttoPreventivi e Assicurazioni sulla vita: Un’Introduzione

Danni a veicolo di scarso valore commerciale: che fare?

fotoincidente2

Ad alcuni di voi sarà capitato, molti di voi l’avranno sentito dire: quando fai un incidente con una macchina, o una moto, che vale poco, oltre a tutti i problemi conseguenti all’incidente (spavento perdite di tempo, lesioni etc.), insomma oltre al danno, si deve patire la beffa del risarcimento irrisorio per la perdita del veicolo.

Leggi tuttoDanni a veicolo di scarso valore commerciale: che fare?

Risparmiamo sulla polizza r.c. auto

Risparmiare sulla polizza r.c.auto, tutti ne parlano dalle associazioni dei consumatori ai clienti. Ma ciò che ci aspettiamo veramente è che la compagnia con cui siamo assicurati riduca ogni anno il prezzo? o risparmiare effettivamente tanti denari trovando la tariffa migliore?

Siamo a fine anno, e molti di noi pensiamo di cambiare l’ auto, per acquistarne una nuova o sostituire la “vecchia”.

Su internet esistono tanti articoli di blog di assicurazioni o pagine di siti internet di broker o compagnie assicurative che “consigliano”  l’acquisto di polizze r.c.a. facendovi risparmiare.

Ma sono i consigli giusti? sono i migliori suggerimenti? sono privi di conflitto di interesse?

Prima di tutto per risparmiare si può utilizzare il c.d. “decreto Bersani” per stipulare la “nuova” polizza con  la classe di merito già in nostro possesso o quella di un convivente presente nel nucleo familiare, cosi facendo avremo un prezzo decisamente inferiore rispetto alla classe d’ingresso (14esima). Per saperne di più….

Abbiamo preparato un percorso utile e semplice per orientarsi nel mondo dell’ r.c.a. e risparmiare davvero! Con due semplici mosse il gioco è fatto!!

Leggi tuttoRisparmiamo sulla polizza r.c. auto