Nuove regole in materia di riassicurazione passiva?

L’Isvap ha emanato il Documento n.46/2012, in pubblica consultazione le modifiche alla circolare sulla riassicurazione passiva

Il presente documento contiene le modifiche apportate all’art. 4 “Adempimenti Ulteriori” della Circolare 574D del 25 dicembre 2005 in materia di riassicurazione passiva. Le modifiche sono evidenziate in modalità revisione.

Leggi tutto

DECRETO CORAGGIOSO, arrivano le modifiche?

Il Dottor Adolfo Bertani, Presidente di Cineas, (Consorzio Universitario  cofondato dal Politecnico di Milano), che si occupa della cultura del rischio, in particolare nell’ambito delle “calamità naturali”, commenta il DECRETO-LEGGE 15 maggio 2012, n. 59 “Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile –  (GU n. 113 del 16-5-2012)”, focalizzandosi sull’Art.2 comma 2 punti a),b) e c) “Coperture assicurative su base volontaria contro i  rischi di  danni derivanti da calamità naturale”. 

Leggi tutto

ESTATE 2012: “PARTIRE O NON PARTIRE?” Le preoccupazioni degli Europei

Si è svolto il 12° Barometro Vacanze Ipsos – Europ Assistance. Le vacanze estive sono vicine e anche quest’anno il Gruppo Europ Assistance presenta il Barometro Vacanze realizzato da Ipsos, un’indagine* per scoprire quali saranno le scelte e le tendenze in materia di viaggio degli Europei in vista dell’estate 2012.

Giunto alla dodicesima edizione, il barometro_infografica, rivela un calo delle abitudini rispetto allo scorso anno: il 58% degli Europei ha in programma di andare in vacanza almeno una volta durante l’estate (tra giugno e settembre inclusi), contro il 66% dell’anno precedente. Una contrazione dei desiderata vacanzieri che investe tutta l’Europa ma che vede la diminuzione più marcata nei paesi maggiormente colpiti dalla crisi economica. Il 63% degli Italiani dichiara di avere in programma una vacanza estiva, contro il 78% dell’anno scorso.

Leggi tutto

Lo Stato non risarcirà più i cittadini per i danni da calamità naturali?

Il Dottor Adolfo Bertani, Presidente di Cineas, Consorzio Universitario che si occupa della cultura del rischio, in particolare nell’ambito delle “calamità naturali”, commenta il DECRETO-LEGGE 15 maggio 2012, n. 59 “Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile –  (GU n. 113 del 16-5-2012)”, focalizzandosi sull’Art.2 comma 2 punti a),b) e c) “Coperture assicurative su base volontaria contro i  rischi di  danni derivanti da calamità naturale.

“Lo Stato non risarcirà più i cittadini per i danni da calamità naturali: svolta epocale per l’introduzione anche nel nostro Paese della responsabilità diretta del cittadino  nella tutela dei propri beni e  di una nuova cultura del rispetto del territorio”. 

Leggi tutto

Tante norme ed indagini RCA, ma i confronti per risparmiare?

Non si ferma la lotta al caro RCA, Decreti, Regolamenti Isvap, indagini Antitrust, proteste delle associazioni dei consumatori ed infine ecco una più approfondita indagine dell’ Authority delle imprese assicurative (Isvap) per monitorare i prezzi dell’ odiata polizza R.C.A. L’ISVAP ha deciso di ampliare l’indagine effettuata trimestralmente (già da nove anni) presso le imprese al fine di rilevare l’andamento nel tempo delle tariffe Rc auto, aumentando a 11, dagli attuali 4, i profili tariffari. Per chi vuol approfondire ecco il link al comunicato stampa Isvap.

Bastano tali interventi per far risparmiare i consumatori o serve qualcos’altro per far calare il prezzo delle assicurazioni auto?

Leggi tutto

Errori nell’attestato di rischio: che fare?

L’attestato di rischio è quel documento che la compagnia d’assicurazione presso cui abbiamo assicurato il nostro veicolo deve inviarci una volta all’anno, e che deve rappresentare fedelmente il nostro “punteggio” di automobilisti, ovvero la presenza di sinistri con responsabilità principale o concorsuale.

Il predetto “punteggio” è fondamentale per la determinazione della classe di merito cui veniamo inseriti (che sale di una posizione una volta l’anno e scende di due se abbiamo causato un sinistro), che a sua volta si traduce in un premio assicurativo più o meno oneroso per le nostre tasche.

Nell’attestato di rischio viene riportato il tabellino dei sinistri dei precedenti 5 anni.

Ma che succede se non corrisponde alla realtà? O se rappresenta una situazione diversa da quella che, secondo noi, dovrebbe rappresentare?

Che succede ad esempio se scopriamo di aver causato un sinistro che non sapevamo di aver causato?

E che succede se non viene riportato un sinistro che invece abbiamo causato?

Leggi tutto

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com