SE IL GINECOLOGO “DOLOSAMENTE” NON INFORMA, L’ASSICURAZIONE NON PAGA

ospedaleQualche giorno fa è stata depositata una sentenza della Corte di Cassazione piuttosto significativa che ha stabilito il principio in base al quale l’omessa informazione, consapevole, ad una madre del rischio della nascita di un bambino malformato comporta per il ginecologo la conseguenza di dover risarcire, ad entrambi i genitori, il danno anche futuro ed esistenziale che tale nascita comporta. La Suprema Corte aggiunge, poi, che la consapevolezza di aver taciuto la sussistenza di tale rischio preclude la possibilità di far ricorso alla garanzia assicurativa che copre il rischio di errore nell’esercizio della professione medica. In sintesi il medico risponde in modo esclusivo del risarcimento. La pronuncia fornisce, quindi, lo spunto per esaminare i presupposti sulla base dei quali il rischio di errore risulta coperto dal contratto assicurativo stipulato per la responsabilità professionale medica.

Leggi tuttoSE IL GINECOLOGO “DOLOSAMENTE” NON INFORMA, L’ASSICURAZIONE NON PAGA

Arriva il bonus-malus anche per la R.C. Professionale Medica

group of doctors in a hospital in a lineIn discussione la bozza di regolamento di attuazione dell’obbligo di assicurazione previsto dalla Legge Balduzzi.

A breve, ovvero il 14 agosto 2014, entrerà in vigore l’obbligo, già slittato di un anno rispetto ad altri professionisti, per tutti gli esercenti le professioni mediche e sanitarie di stipulare polizze per la responsabilità civile professionale a copertura del rischio connesso all’attività di lavoro in adempimento di quanto previsto dalla c.d. Legge Balduzzi (Decreto Legge 158/2012 poi convertito nella Legge 189/2012, art. 3).

Leggi tuttoArriva il bonus-malus anche per la R.C. Professionale Medica

CADUTE NELLE CORSIE D’OSPEDALE: MEGLIO PREVENIRE CHE RISARCIRE

images[3]La caduta dei pazienti durante il ricovero e degli ospiti-visitatori, all’interno delle strutture sanitarie, è indubbiamente una delle problematiche più importanti che queste si trovano ad affrontare sia sotto il profilo della prevenzione, da attuarsi attraverso un approfondito lavoro di analisi del rischio che indichi gli strumenti più idonei, sia riguardo alla gestione delle conseguenze dell’evento avverso.

Leggi tuttoCADUTE NELLE CORSIE D’OSPEDALE: MEGLIO PREVENIRE CHE RISARCIRE

Il sistema sanitario e l’accesso alle cure mediche visto dai cittadini

group of doctors in a hospital in a lineLA PARITÀ NELL’ACCESSO ALLE CURE: UNA PERCEZIONE CHE MIGLIORA IN TUTTA EUROPA, NON IN ITALIA

Gli Italiani si mostrano ancora una volta molto sensibili nei confronti del tema sanità e rischi ad essa collegati. In contrasto con il panorama europeo caratterizzato da un’accresciuta fiducia nella sanità pubblica e in una percezione di garanzia di pari accesso alle cure mediche

Leggi tuttoIl sistema sanitario e l’accesso alle cure mediche visto dai cittadini

Rischio clinico e consenso informato

In tema di Clinical Risk Management attenzione particolare merita la questione relativa alla images[3]responsabilità del medico per omesso e/o invalido consenso informato. Da ciò discende logicamente la necessità, ormai improcrastinabile, visto l’elevato numero di contenziosi radicati su tale presupposto, di apprendere e conoscere le regole del consenso e/o rifiuto informato, quale manifestazione di consapevole adesione, o rifiuto, al trattamento sanitario.

Leggi tuttoRischio clinico e consenso informato

MEDICI ASSOLTI: DIMENTICANO GROSSA GARZA E LAMA DI BISTURI, MA PER I GIUDICI PENALI NON SONO COLPEVOLI

medici-sala-operatoria-id0In un caso un medico è stato assolto per non aver commesso il reato di lesioni personali causate ad una paziente che consistevano nella incapacità di quest’ultima di attendere alle ordinarie occupazioni (c.d. danno alla salute da inabilità temporanea assoluta e/o parziale), dopo aver dimenticato, durante un intervento chirurgico, una garza di grosse dimensioni in prossimità della colonna vertebrale. Il principio applicato è quello che vige in ambito penalistico della colpa “oltre ogni ragionevole dubbio”.

Leggi tuttoMEDICI ASSOLTI: DIMENTICANO GROSSA GARZA E LAMA DI BISTURI, MA PER I GIUDICI PENALI NON SONO COLPEVOLI

Il medico di Pronto Soccorso che dimette senza indagare è professionalmente responsabile

imagesCAJ6F5P4Una recente decisione dei giudici della Corte di Cassazione Penale (Cassazione Penale, Sezione IV, Sentenza del 30 agosto 2013, n. 35828) ha confermato la condanna per omicidio colposo del MEDICO DI TURNO IN PRONTO SOCCORSO per aver omesso di effettuare indagini diagnostiche approfondite, ancorando il proprio giudizio alla valutazione effettuata da altro collega. La decisione è indubbiamente da accogliere con favore poiché tiene conto dei principi recentemente sviluppati dalla giurisprudenza in tema di responsabilità medica.

Leggi tuttoIl medico di Pronto Soccorso che dimette senza indagare è professionalmente responsabile

Errore medico e copertura del rischio: l’esperienza della regione Toscana

malasanitàL’estate appena trascorsa si è purtroppo caratterizzata per l’evidenza di numerosi casi di malasanità che mi inducono a riportare l’attenzione sul tema della gestione del rischio clinico e sul difficile rapporto fra assicurazione e sanità.

Leggi tuttoErrore medico e copertura del rischio: l’esperienza della regione Toscana

Linee guida in Sanità: L’interesse del paziente prevale

Le linee guida, per il fatto di contenere al loro interno informazioni documentate, dettagliate ed accettate universalmente circa la diagnosi ed il trattamento di molteplici patologie di approccio comune, sono una sorta di parametro di riferimento del comportamento dell’operato medico. Esse, quindi, costituiscono un’ulteriore “guida” per il medico nello svolgimento del suo lavoro di assistenza, ma, al tempo stesso, possono essere utilizzate quali strumenti di giudizio del suo operato sotto il profilo della diligenza.

Leggi tuttoLinee guida in Sanità: L’interesse del paziente prevale

Diritto alla salute e livelli essenziali di assistenza sanitaria

imgmedicolegalIl riconoscimento in ambito costituzionale del diritto alla salute ed all’ autodeterminazione del paziente (artt. 32 e 13) costituisce il primo parametro di riferimento per la valutazione della condotta del medico, il quale deve adoperarsi per salvaguardare e proteggere, adempiendo alla propria funzione di garanzia, il bene salute tenendo conto tuttavia della volontà del paziente.

L’art. 32 della nostra carta costituzionale stabilisce infatti che:

Leggi tuttoDiritto alla salute e livelli essenziali di assistenza sanitaria