Il Convegno di Medicina e Diritto: la tempesta che incombe sul danno alla persona

Il 30 maggio 2014 si sono dati appuntamento all’Università di Milano alcune delle voci più autorevoli nel campo del risarcimento del danno alla persona, per una discussione corale. Erano presenti personalità di rilievo, di ambito medico (Ronchi, Zoja, Farneti, Genovese, Marozzi), giuridico (Ponzanelli, Spera, Bona, Rodolfi, Hazan, Secchi, Zavallone) e assicurativo (Rainò).

Leggi tuttoIl Convegno di Medicina e Diritto: la tempesta che incombe sul danno alla persona

La FNOMCeO sulle norme “anti colpo di frusta”: il medico legale decida in autonomia

Una importante presa di posizione arricchisce il dibattito sulle nuove norme introdotte con la L. 27/2012 sulle lesioni lievi (la sintesi nel nostro articolo “Attacco al “colpo di frusta”: la legge 27/12 scuote il mondo R.C. Auto“). Si tratta di un parere reso dal Presidente della Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), Dr. Amedeo Bianco, in risposta a un preciso quesito inviato dal Dr. Raffaele Zinno, Presidente del Sindacato Italiano Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni (SISMLA).

Il Presidente SISMLA, con una sua dettagliata nota ha chiesto un intervento del Dr. Bianco che richiamasse i medici legali ai principi deontologici e scientifici della materia, denunciando le indebite pressioni delle Compagnie Assicurative che hanno inviato lettere di indirizzo ai propri fiduciari, chiedendo loro di interpretare le nuove norme in modo da escludere l’esistenza di menomazioni quando manchi il riscontro strumentale (es. lastre).

Leggi tuttoLa FNOMCeO sulle norme “anti colpo di frusta”: il medico legale decida in autonomia

Danno biologico: l’importanza di una valutazione di parte

Quando si ha la sfortuna di rimanere coinvolti in un incidente stradale e si riportano danni fisici, passato lo spavento ci si comincia a preoccupare degli aspetti burocratici della faccenda, con riferimento al risarcimento che si deve chiedere alla Compagnia assicurativa, che sia la propria in caso di risarcimento diretto, o quella del responsabile dell’incidente, in caso di risarcimento ordinario.

Molte considerazioni, valide a prescindere dalla procedura risarcitoria che si attiverà (diretta o ordinaria), sono state già svolte nell’articolo pubblicato su questo blog intitolato “Quanto vale il mio colpo di frusta”, prima e seconda parte. In particolare è bene ricordare che dopo un incidente, a meno che non si tratti di urti davvero lievi, è sempre opportuno rivolgersi al più vicino pronto soccorso per controlli. Spesso infatti i dolori arriveranno nei giorni successivi, e potrebbe essere tardivo, sia da un punto di vista clinico che giuridico, non certificare fin da subito le lesioni subite.

Leggi tuttoDanno biologico: l’importanza di una valutazione di parte

Approvate le nuove tabelle di legge per le macrolesioni: le assicurazioni pronte a brindare al maxi taglio dei risarcimenti

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in data 4.8.2011 lo schema di DPR contenente le direttive per la valutazione delle lesioni dal 10 al 100% di invalidità permanente conseguente a incidenti stradali.

Il DPR dà attuazione all’art. 138 del codice delle assicurazioni private, che prevede che sia emanata una legge che renda uniforme a livello nazionale i risarcimenti per le lesioni conseguenti a incidenti stradali o nautici che comportino invalidità permanenti maggiori o uguali ai 10 punti percentuali.

Attualmente e ancora per poco, le tabelle utilizzate dalla quasi totalità dei tribunali italiani sono quelle milanesi, che ricomprendono il danno morale nel punto percentuale e sono molto riguardose nei confronti dei grandi lesionati.

I valori contenuti nelle tabelle di legge di prossima applicazione sono ridotti di oltre il 40% rispetto ai valori proposti dalla Tabella del Tribunale di Milano. Per fare un esempio, il danno biologico da invalidità permanente di un ragazzo di trent’anni, costretto su una sedia a rotelle da un incidente stradale in cui non ha alcuna responsabilità, oggi è pari ad E 868.265,00; dal momento in cui entreranno in vigore le nuove tabelle, ovvero tra breve, varrà E 495.452,91.

Leggi tuttoApprovate le nuove tabelle di legge per le macrolesioni: le assicurazioni pronte a brindare al maxi taglio dei risarcimenti